Frutta e verdura, per la Ue non contano più le dimensioni

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Rispondi
Marmo
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 101
Iscritto il: 7 giugno 2009, 6:00
Località: Parma

10 giugno 2009, 18:15

Era una notizia attesa dai consumatori: da luglio per la Ue non conteranno più le dimensioni di frutta e verdura. Ciò vuol dire che secondo il regolamento n. 1221/2008, 26 prodotti ortofrutticoli freschi potranno essere venduti anche se non rispettano gli standard minimi di forma e dimensione: albicocche, carciofi, asparagi, melanzane, avocado, fagioli, cavoli di Bruxelles, carote, cavolfiori, ciliegie, zucchine, cetrioli, funghi coltivati, aglio, nocciole in guscio, cavoli cappucci, porri, meloni, cipolle, piselli, prugne, sedani da coste, spinaci, noci in guscio, cocomeri e cicoria witloof.

Gli stabdard restano in vigore per: mele, agrumi, pere, kiwi, insalate in genere, pesche e nettarine, fragole, peperoni, uva da tavola e pomodori anche se viene riconosiuta agli Stati membri la possibilità di autorizzarne la vendita anche se al di sotto delle dimensioni minime purché sia dichiarato in etichetta che il prodotto è destinato alla trasformazione.

Non sono d’accordo con questa decisione i produttori poiché temono l’invasione di prodotti dall’Est europeo.

fonte: http://www.ecoblog.it/post/8535/frutta- ... dimensioni

Si spera che a ciò non segua un arrivo di prodotti di bassa qualità...
Rispondi
  • Informazione