bruciore al petto

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
Alessio
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 96
Iscritto il: 5 maggio 2007, 6:00
Località: Roma

16 novembre 2009, 19:04

Buonasera a tutti,
E' da qualche giorno che soffro di un senso di bruciore all'altezza del petto che parte dalla gola e finisce nello stomaco. Credo sia un'infiammazione dell'esofago, e ce l'ho da una settimana circa, nei primi sei giorni da quando mi è cominciato ho mangiato quasi esclusivamente frutta dato che mi da fastidio anche l'insalata e qualsiasi cosa cotta e calda, quando ho provato a mangiare un po di castagne infatti mi sono sentito malissimo. Adesso sto a digiuno da ieri e questo è il mio secondo giorno di digiuno ho presto solo una limonata ieri e stamattina una spremuta d'arancia e verso le 3 un centrifugato di cavolo carota e melacotogna ma ancora questa spiacevolissima sensazione di bruciore non passa, voi che dite devo continuare col digiuno ? E' capitato qualcosa di simile a qualcuno di voi ?
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2001
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

16 novembre 2009, 20:26

Mai avuto un disturbo simile.
Io al posto tuo, se mangiare ti crea disagio, continuerei col digiuno.
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
Alessio
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 96
Iscritto il: 5 maggio 2007, 6:00
Località: Roma

16 novembre 2009, 20:36

Credo che si tratti del comune bruciore di stomaco, ho letto su internet che in questa patologia il dolore si avverte nel petto fino alla gola. Il dubbio che ho è se sia in questo caso più efficace digiunare o mangiare solo frutta, forse essendoci un'infiammazione è meglio non metterci nessun cibo, ma solo acqua o acqua e limone o centrifugato.
Avatar utente
Alessio
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 96
Iscritto il: 5 maggio 2007, 6:00
Località: Roma

20 novembre 2009, 20:27

Ragazzi credo proprio di avere un'esofagite ovvero un bruciore di stomaco dovuto a iperacidosi con senso di bruciore in corrispondenza dell'esofago fino in gola. A qualcuno di voi è capitato di riscontrare un sintomo simile ? Ho fatto 3 giorni di digiuno ma non è ancora passato, dovrei fare un digiuno più lungo secondo voi ? :(
Avatar utente
coralloh
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 luglio 2009, 6:00
Località:

27 novembre 2009, 8:29

Alessio, anche se su questo forum rischio di essere impopolare , io ti consiglio di andare al più presto dal medico a riferire i sintomi e di interrompere l'assunzione di limone.Io non riesco ancora ad assumerlo senza conseguenze purtroppo, e , nel mio caso, il motivo è il reflusso gastroesofageo. I sintomi di cui parli sono simili a quelli che accusavo io però io non sono medico .
Vai dal tuo medico per una corretta diagnosi.
Avatar utente
betula
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 352
Iscritto il: 21 aprile 2008, 6:00
Località:

27 novembre 2009, 8:58

Alessio, forse è il caso che interrompi il digiuno e mangi cibo più soft per il tuo stomaco infiammato.
@coralloh: è normale che il limone ti provochi problemi se hai il riflusso gastroesofageo (o anche gastrite e ulcera).
Di solito quando si è in presenza di soggetti che hanno "malattie" dello stomaco si raccomanda l'assunzione omeopatica di limone a stomaco vuoto: mezzo cucchiaino o meno finchè non ti abitui, per poi aumentare molto gradualmente.
Avatar utente
coralloh
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 63
Iscritto il: 5 luglio 2009, 6:00
Località:

27 novembre 2009, 17:42

Grazie Betulla, accolgocon gioia il tuo consiglio.Comincerò domattina a digiuno sperando di riuscire a tollerare il limone presto:)
Rispondi
  • Informazione