Frasi di Arnold quasi utopiche

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".

Moderatori: luciano, Moderators

Regole del forum
Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.
Alberto22

29 novembre 2009, 10:53

Sto leggendo "Dieta senza muco" a volte sono sbalordito della certezza e della visione di Arnold, una frase: "il mio sistema non è una cura o un rimedio, è una rigenerazione...è l'acquisizione di una salute perfetta mai immaginata prima", penso sia una cosa straordinaria, a questo punto una persona saprà anche tacitamente di avere una marcia in più sugli altri.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

29 novembre 2009, 11:15

Alberto22 ha scritto:....a questo punto una persona saprà anche tacitamente di avere una marcia in più sugli altri.
Ti interessa avere una marcia in più sugli altri?

Che vantaggio se ne può trarre avendo "una marcia in più sugli altri"?
Gli altri chi?
Alberto22

29 novembre 2009, 11:21

luciano ha scritto:
Alberto22 ha scritto:....a questo punto una persona saprà anche tacitamente di avere una marcia in più sugli altri.
Ti interessa avere una marcia in più sugli altri?

Che vantaggio se ne può trarre avendo "una marcia in più sugli altri"?
Gli altri chi?
Non è che interessi in particolar modo, ma intendo dire che probabilmente con un corpo perfettamente pulito si manifesta anche questa consapevolezza di sè e questo è un vantaggio su chi non lo è
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

29 novembre 2009, 11:33

Alberto22 ha scritto:..... e questo è un vantaggio su chi non lo è
E che interesse c'è ad avere un vantaggio su qualcuno?
Avatar utente
rita
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 518
Iscritto il: 17 gennaio 2009, 6:00
Località: genova

29 novembre 2009, 14:12

forse non vi siete capiti..?
Alberto22, perchè non provi a spiegare "agli altri" , magari cominciando dai tuoi parenti , i tuoi amici, i colleghi, che si puo' stare alla larga dai farmaci, dai camici bianchi sempilcemente eliminando parecchie porcherie,assumendo cibi vivi e magari cominciare a leggere il libro di Ehret per capirne di piu'...?
magari rimangono sbalorditi anche loro..
magari un giorno ti ringrazieranno
:D

Luciano, forse Alberto voleva dire che se incomincia a seguire Ehret e la sua dieta, sarà in vantaggio su chi non crede in lui o su chi non lo conosce e non sanno che mangiare solo frutta, fare digiuni, eliminare cibi spazzatura, ti portano lontano da camici bianchi &c.
forse intendeva questo per vantaggio.
il vantaggio di essere venuto a conoscenza di un grande libro come Dieta Senza Muco!
il vantaggio di aver aquisito consapevolezza!!
"Quando cesserai di voler riempire la tua coppa di felicità ed inizierai a riempire quella degli altri, scoprirai, con meraviglia, che la tua sarà sempre piena". Paramansa Yogananda
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

29 novembre 2009, 16:52

Non capisco quale vantaggio e su chi e perché.

Perché dovremmo relazionarci con altri per i risultati ottenuti o ottenibili?

Il vantaggio presuppone sempre un paragone.

Essere in vantaggio su qualcuno presuppone che esista una gara, vera o immaginaria che sia.

Quello che volevo dire era di guardare sé stessi ed essere migliori di ieri, non migliori (in vantaggio) rispetto ad altri.
Avatar utente
rita
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 518
Iscritto il: 17 gennaio 2009, 6:00
Località: genova

30 novembre 2009, 14:07

per me è un vantaggio , una grande cosa, aver scoperto Ehret!
un vantaggio su chi fino a ieri mi diceva che la carne fa bene, che bisogna mangiare tante pastasciutte per crescere, che il pane quotidiano deve sempre essere sulle nostre tavole, che bisogna prendere i farmaci per abbassare la febbre, che bisogna vaccinarsi per combattere i virus, che bisogna rassegnarsi al decadimento fisico ad una certa età ecc.. eccc..
io mi sento avvantaggiata: ora so. ho letto il libro di Ehret e ho aperto gli occhi.
quelle stesse persone che mi hanno fatto il lavaggio del cervello, ora non mi fregano piu'.
ho provato a divulgare cio' che so , a volte con successo , il piu' delle volte senza.
mi ridono dietro..?
peggio per loro...
io so qual'è la strada da percorrere.
è una strada che mi porterà lontana dalle malattie. ma anche lontana da chi vorrei con me.
io mi sento avvantaggiata rispetto ai miei colleghi
(lavoriamo sul mercato all'aperto) io ancora non ho stanutito, la maggior parte di loro si è già ammalato ripetutamente.
poi mi gridano di mangiarmi delle gran pastasciutte anzichè della frutta...

io mi sento avvantaggiata: non vado mai dal dottore.
se ci metto piede è per i miei genitori, quando faccio loro il favore di prendergli le ricette.
la sala è sempre strapiena!!

faccio sempre una testa grande come una casa ai miei amici, cerco loro di far capire l'imnportanza di assumere quotidianamente dosi di frutta e verdura.. mi sgolo per spiegare loro quanto è nocivo mangiare carne, quando vedono un risultato sulla mia pelle, tipo i capelli piu' folti, la sparizione dei odiati brufoletti, ecc.. mi fanno i complimenti. salvo poi ricominciare tutto d'accapo il giorno dopo.. come se non avessi neanche parlato.. sigh..
e io tutte le volte mi faccio fregare perchè puntualmente ripeto le stesse cose, un giorno ho stampato un piccolo riassunto sul libro, loro che ascoltano con interesse e poi..
e poi, di nuovo tutto come prima!!!
:roll:
una mia amica salutandomi dice: ora vado a mangiare.. stasera mia mamma ha preparato le trippe in umido..
8O 8O 8O
:roll:
a questo punto quando sento qualcuno che si lamenta, che ha un banale raffreddore penso: pazienza, io so la verità.
io sono avvantaggiata, io credo in Ehret, loro no.
"Quando cesserai di voler riempire la tua coppa di felicità ed inizierai a riempire quella degli altri, scoprirai, con meraviglia, che la tua sarà sempre piena". Paramansa Yogananda
Alberto22

30 novembre 2009, 14:23

rita ha scritto:per me è un vantaggio , una grande cosa, aver scoperto Ehret!
un vantaggio su chi fino a ieri mi diceva che la carne fa bene, che bisogna mangiare tante pastasciutte per crescere, che il pane quotidiano deve sempre essere sulle nostre tavole, che bisogna prendere i farmaci per abbassare la febbre, che bisogna vaccinarsi per combattere i virus, che bisogna rassegnarsi al decadimento fisico ad una certa età ecc.. eccc..
io mi sento avvantaggiata: ora so. ho letto il libro di Ehret e ho aperto gli occhi.
quelle stesse persone che mi hanno fatto il lavaggio del cervello, ora non mi fregano piu'.
ho provato a divulgare cio' che so , a volte con successo , il piu' delle volte senza.
mi ridono dietro..?
peggio per loro...
io so qual'è la strada da percorrere.
è una strada che mi porterà lontana dalle malattie. ma anche lontana da chi vorrei con me.
io mi sento avvantaggiata rispetto ai miei colleghi
(lavoriamo sul mercato all'aperto) io ancora non ho stanutito, la maggior parte di loro si è già ammalato ripetutamente.
poi mi gridano di mangiarmi delle gran pastasciutte anzichè della frutta...

io mi sento avvantaggiata: non vado mai dal dottore.
se ci metto piede è per i miei genitori, quando faccio loro il favore di prendergli le ricette.
la sala è sempre strapiena!!

faccio sempre una testa grande come una casa ai miei amici, cerco loro di far capire l'imnportanza di assumere quotidianamente dosi di frutta e verdura.. mi sgolo per spiegare loro quanto è nocivo mangiare carne, quando vedono un risultato sulla mia pelle, tipo i capelli piu' folti, la sparizione dei odiati brufoletti, ecc.. mi fanno i complimenti. salvo poi ricominciare tutto d'accapo il giorno dopo.. come se non avessi neanche parlato.. sigh..
e io tutte le volte mi faccio fregare perchè puntualmente ripeto le stesse cose, un giorno ho stampato un piccolo riassunto sul libro, loro che ascoltano con interesse e poi..
e poi, di nuovo tutto come prima!!!
:roll:
una mia amica salutandomi dice: ora vado a mangiare.. stasera mia mamma ha preparato le trippe in umido..
8O 8O 8O
:roll:
a questo punto quando sento qualcuno che si lamenta, che ha un banale raffreddore penso: pazienza, io so la verità.
io sono avvantaggiata, io credo in Ehret, loro no.
Perchè è gente che ha una bassa percezione della verità; io sono nuovo sono ancora onnivoro ma ho sempicemente introdotto frutta nella mia alimentazione, ieri sera ho mangiato pizza e birra e quasi subito mi è uscito l'erpes sulle labbra e ho capito la storia.
Ho conosciuto un'altra persona al pari o forse più di Arnold, lo capisci dal loro intuito e saggezza, già questo fa capire che non è gente normale.

Ai tuoi amici gliene puoi parlare ma vendigli i libri e se saranno abbastanza consapevoli capiranno, oppure lascia perdere.
Yngwie79
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 142
Iscritto il: 16 novembre 2009, 6:00
Località: Roma

1 dicembre 2009, 12:33

Luciano il tuo è un discorso molto bello è posso concordare ma a volte bisogna ricordare che il modo di vedere le cose nella vita dipende anche dall'età e soprattutto dall'esperienze di vita di una persona.
Tu hai fatto un sacco di esperienze, letto tanti libri ecc ma devi riconoscere che i ragazzi di adesso vivono una realtà molto più complessa è instabile.
Inoltre questo modo di vedere le cose lo hai maturato nei tuoi 50 e più anni, ogni cosa è a suo tempo.
Quindi dico che se sul lavoro e nella vita posso avere dei vantaggi (senza MAI danneggiare nessuno) perchè sto meglio, sono più attivo grazie a Ehret e altri ben venga.

"Quello che volevo dire era di guardare sé stessi ed essere migliori di ieri, non migliori (in vantaggio) rispetto ad altri."

Da quello che scrivi e da come lo scrivi sembra che tu abbia letto e riletto Anthony Robbins un bel po di volte, se così non fosse vedendo i tuoi post è incredibile su come scriviate le stesse cose :wink: .

Mia impressione : ogni tanto sembra che ti scaldi un pò!!!
:D
Sono il padrone del mio destino, sono il capitano della mia anima.
Avatar utente
rita
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 518
Iscritto il: 17 gennaio 2009, 6:00
Località: genova

1 dicembre 2009, 20:31

forse io non mi sono fatta capire bene, quando cercavo di capire cio' che aveva scritto alberto22, io intendevo non di essere in vantaggio in quanto superiore o in competizione con gli altri, per l'amor del cielo.. anzi! come spiegato prima sto cercando di farlo capire "agli altri".. a volte con buoni risultati, il piu' delle volte penso che sono senza speranza..ahimè..
e quando so che qualcuno non sta bene, anche un semplice conoscente, o parlando di sconosciuti, sempicemente per sentito dire, inevitabilemente il mio pensiero cade qui... penso che se conoscesse e ancor meglio credesse in Ehret, ci guadarebbe in salute..

spulciando il vocabolario treccani, riporto qua la ricerca , in quanto è quello che io dò come significato a questo termine senza dilungarmi troppo altrimenti perdiamo il senso di questo topic:
vantaggio:
vantàggio s. m. [dal fr. ant. avantage, der. del lat. tardo abante «avanti»; cfr. la forma ital. ant. av(v)antaggio]. – 1. Posizione di superiorità, condizione favorevole che uno ha, con proprio giovamento, rispetto a un altro .
eccola qua: condizione favorevole con proprio giovamento!
era questo probabilmente cio' che voleva dire alberto , era questo che volevo dire io.
finit
:wink:
"Quando cesserai di voler riempire la tua coppa di felicità ed inizierai a riempire quella degli altri, scoprirai, con meraviglia, che la tua sarà sempre piena". Paramansa Yogananda
Alberto22

1 dicembre 2009, 20:39

rita ha scritto:forse io non mi sono fatta capire bene, quando cercavo di capire cio' che aveva scritto alberto22, io intendevo non di essere in vantaggio in quanto superiore o in competizione con gli altri, per l'amor del cielo.. anzi! come spiegato prima sto cercando di farlo capire "agli altri".. a volte con buoni risultati, il piu' delle volte penso che sono senza speranza..ahimè..
e quando so che qualcuno non sta bene, anche un semplice conoscente, o parlando di sconosciuti, sempicemente per sentito dire, inevitabilemente il mio pensiero cade qui... penso che se conoscesse e ancor meglio credesse in Ehret, ci guadarebbe in salute..

spulciando il vocabolario treccani, riporto qua la ricerca , in quanto è quello che io dò come significato a questo termine senza dilungarmi troppo altrimenti perdiamo il senso di questo topic:
vantaggio:
vantàggio s. m. [dal fr. ant. avantage, der. del lat. tardo abante «avanti»; cfr. la forma ital. ant. av(v)antaggio]. – 1. Posizione di superiorità, condizione favorevole che uno ha, con proprio giovamento, rispetto a un altro .
eccola qua: condizione favorevole con proprio giovamento!
era questo probabilmente cio' che voleva dire alberto , era questo che volevo dire io.
finit
:wink:
Si, di base è così; non bisogna mai sminuire se stessi altrimenti ci si degrada, uno può avere la consapevolezza di essere molto più ricco di un'altro ma non per questo si deve sminuire l'altro.

Ricordo una frase di Hubbard: "Comandare significa servire e dà solo diritto a quello"
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

2 dicembre 2009, 0:48

Yngwie79 ha scritto:Da quello che scrivi e da come lo scrivi sembra che tu abbia letto e riletto Anthony Robbins un bel po di volte, se così non fosse vedendo i tuoi post è incredibile su come scriviate le stesse cose :wink:
Mai letto. :D
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

2 dicembre 2009, 0:54

Alberto22 ha scritto:Si, di base è così; non bisogna mai sminuire se stessi altrimenti ci si degrada, uno può avere la consapevolezza di essere molto più ricco di un'altro ma non per questo si deve sminuire l'altro.
Perché precisi questo? Mi dai ad intendere che ho cercato di sminuirti, ma non sono interessato in questo.
Io proprio intendo dire che non si devono, forse devo dire dovrebbero, fare paragoni con altri.
Detto questo non sono nemmeno interessato a continuare la discussione.
Credo che sia più redditizio dedicarsi alla pratica del sistema di guarigione, ragione unica per cui ho creato questo forum.
Alberto22

2 dicembre 2009, 17:09

luciano ha scritto:
Alberto22 ha scritto:Si, di base è così; non bisogna mai sminuire se stessi altrimenti ci si degrada, uno può avere la consapevolezza di essere molto più ricco di un'altro ma non per questo si deve sminuire l'altro.
Perché precisi questo? Mi dai ad intendere che ho cercato di sminuirti, ma non sono interessato in questo.
Io proprio intendo dire che non si devono, forse devo dire dovrebbero, fare paragoni con altri.
Detto questo non sono nemmeno interessato a continuare la discussione.
Credo che sia più redditizio dedicarsi alla pratica del sistema di guarigione, ragione unica per cui ho creato questo forum.
Luciano non era riferito a te e a nessuno, era semplicemente una precisazione concettuale a ciò che ha specificato Rita.
Rispondi
  • Informazione