L'America, il paese delle contraddizioni

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Avatar utente
danielsaam
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1096
Iscritto il: 24 aprile 2008, 6:00
Località: Planet Earth
Contatta:

Vivo a San Francisco dal 2007 e prendendo spunto da un post in un'altra sezione del forum ho deciso di parlare un pò degli Stati Uniti, posto nel quale sì, molte persone mangiano in modo altamente scorretto, ma è vero anche il contrario. E' un pò il paese delle contraddizioni.


Per esempio non tutti gli stati sono uguali, quì in California ci sono molti supermercati biologici e anche vegetariani (in alcuni si possono trovare perfino i libri di Ehret), per non parlare di ristoranti, caffè, pasticcerie, ecc., vegetariani, vegani o crudisti. Inoltre molti ristoranti convenzionali inseriscono nel menù dei piatti o delle sezioni vegetariane/vegane.


Ancora, in altri ristoranti, se una persona fa presente al cameriere che è vegano sanno benissimo cosa vuol dire e si comportano a riguardo.


Si possono trovare molti corsi o seminari sull'argomento e persone che fanno dell'attivismo per le strade.


A San Francisco ha sede una società vegetariana che, tra le altre cose, ogni hanno organizza un festival a riguardo.


Molti medici importati nel campo naturale e allo stesso tempo anche persone dalla grande spiritualità hanno domicilio in California. Quì ed anche in altri stati ci sono strutture apposite dove seguono persone durante digiuni o diete crudiste per guarire da malattie giudicate incurabili dalla medicina ufficiale.


La costa della Big Sur, sempre in California, ospita il famoso Esalen Institute.


Dall'altra parte ci sono le catene dei vari fast-food (McDonnal's è solo una delle tante), le multinazionali alimentari, della chimica, della farmaceutica, gli OGM ...


Da un altro lato ancora c'è chi supporta la guerra in Iraq e chi invece fa manifestazioni pacifiste o diffonde materiale sull' "internal job" del 09/11.


Come si dice, "non è tutto oro quel luccica" ma neanche tutto ciò che sembra marcio lo è fino in fondo veramente; anzi paradossalmente, proprio da lì spuntano dei fiori bellissimi.


Non sò cosa sia ma in California c'è qualcosa di magico, specialmente a San Francisco. E' una sensazione che si sente e si prova quando si è quì.


Arnol Ehret ha passato molto tempo in California; all'epoca, da una parte aveva trovato del terreno fertile per diffondere i suoi insegnamenti e dall'altra trovò la sua tomba, messa lì probabilmente da qualcuno che tentava di farlo tacere. Riuscendoci solo in parte.


Arnold Ehret ha lasciato un segno in questo mondo, un segno indelebile che di certo la sua morte non ha cancellato.


Arnold Ehret vive, vive con tutti noi.




Con gratitudine,


Daniele.


"He is the truth and has the truth, and we with him".

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Alberto22

Fra qualche mese mi trasferirò definitivamente in Florida sulla bella baia di Clearwater...anche a me gli USA sono sempre piaciuti, quando il pilota annuncia che siamo in teritorio americano ho sempre la sensazione di essere tornato a casa.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13334
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

La California è dove è nata l'alternativa alla medicina allopatica e l'alimentazione naturale. Negli anni '70 i libri di Ehret giravano fra gli Hippies, per esempio.

A Los Angeles ho mangiato in diversi posti dove avevano i libri di Ehret, assieme a quelli di Jensen ecc.

L'atmosfera in quei posti è particolare, si sta bene anche seduti a bere un succo di frutta, non andresti mai via.

Questo link può aiutare a capire perché la California è sensibile a stili di vita sani:
http://www.hippy.com/php/article-243.html

se poi c'è qualche volonteroso che lo traduce in italiano e mi manda la traduzione lo pubblichiamo.
Avatar utente
indi
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 95
Iscritto il: 8 febbraio 2010, 6:00
Località: viareggio, toscana,italy

anch'io amo l'USA. e in particolar modo california, new mexico, mexico, arizona ,utah, tutta quella zona arida e selvaggia e desertica con i bikers sulle harley!

l'america sempre stata all'avanguardia di tutto e spiritualità inclusa.

mi viene in mente adesso per es in california il famoso Mount Shasta, dove attraverso gli anni hanno avuto luogo vari incontri tra individui che scalavano la montagna con ascended masters, i Lemurians etc....
http://www.sacred-destinations.com/usa/mount-shasta

io torno da Londra dopo 20 anni e adesso sperimento la natura e il mare e la gente italiana di cui ho molto bisogno dopo 20 anni di una vita 'snaturata' diciamo così, anche se volevo fare quella vita 'snaturata'.

ma all'america ci penso spesso...e chissà che un giorno vada anch'io, trovare gente con cui quello che dico non è una novità e/o scioccante. e trovare una natura indimenticabile.

saluti
indi
you are god also
mirialu
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 389
Iscritto il: 21 dicembre 2009, 6:00
Località: mantova

Complimenti,Daniele hai scritto un'articolo molto interessante.
miria
neo84
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 65
Iscritto il: 17 novembre 2009, 6:00
Località: Torino, Losanna

Ciao, riguardo alle spinte positive come vedi la situazione in California relativamente alla qualità del cibo? So che ci sono grandi monocolture nella central valley, ma riescono ad emergere anche coltivazioni biologiche e naturali? Da qualche parte dovranno prendere frutta e verdura per ristoranti e negozi "organici"...
Nessun vento è favorevole a chi non ha una direzione - Seneca
Avatar utente
danielsaam
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1096
Iscritto il: 24 aprile 2008, 6:00
Località: Planet Earth
Contatta:

In California ci sono moltissime aziende biologiche.

Nei supermercati dove vado a rifornirmi si trovano al 98% solo frutta e verdure biologiche ed è sempre indicata la provenienza, quindi si cerca di favorire gli agricoltori locali.

L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico.
"He is the truth and has the truth, and we with him".
Avatar utente
danielsaam
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1096
Iscritto il: 24 aprile 2008, 6:00
Località: Planet Earth
Contatta:

luciano ha scritto:L'atmosfera in quei posti è particolare, si sta bene anche seduti a bere un succo di frutta, non andresti mai via.
Potreste organizzare un viaggio e venire da queste parti; un tour ehretista per la California. :D 8) :D
"He is the truth and has the truth, and we with him".
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 532
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

un tour ehretista per la California.
*******************************
Ciao danielsaam!

Magari un giorno che sogno!!!
la pratica è superiore a tutte le teorie
Educating Instead of Medicating
StefanoⓋRAW
Avatar utente
danielsaam
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1096
Iscritto il: 24 aprile 2008, 6:00
Località: Planet Earth
Contatta:

Ti aspetto ikxikx! :D
"He is the truth and has the truth, and we with him".
Avatar utente
braveheart
Veterano
Veterano
Messaggi: 800
Iscritto il: 29 aprile 2008, 6:00
Località: prov. Como
Contatta:

danielsaam ha scritto:Nei supermercati dove vado a rifornirmi si trovano al 98% solo frutta e verdure biologiche..

L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico.
Lo stesso problema che abbiamo nel bel Paese, almeno dalle mie parti :roll:
"Sta a ciascuno di noi scegliere se abbandonare la Terra e porre le nostre speranze in un'arca di Noe' spaziale o convertire la Terra nel paradiso terrestre che era in origine."
M. Fukuoka
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13334
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

braveheart ha scritto:
danielsaam ha scritto:Nei supermercati dove vado a rifornirmi si trovano al 98% solo frutta e verdure biologiche..

L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico.
Lo stesso problema che abbiamo nel bel Paese, almeno dalle mie parti :roll:
La soluzione è quella di guadagnare più soldi. Le condizioni economiche dipendono dal singolo individuo, altrimenti significa che il libero arbitrio non esiste. :wink:
Avatar utente
davide32
Veterano
Veterano
Messaggi: 1467
Iscritto il: 12 settembre 2008, 6:00
Località: Riolo Terme (RA)

luciano ha scritto:
braveheart ha scritto:
danielsaam ha scritto:Nei supermercati dove vado a rifornirmi si trovano al 98% solo frutta e verdure biologiche..

L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico.
Lo stesso problema che abbiamo nel bel Paese, almeno dalle mie parti :roll:
La soluzione è quella di guadagnare più soldi. Le condizioni economiche dipendono dal singolo individuo, altrimenti significa che il libero arbitrio non esiste. :wink:
che risposta eh questa?
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13334
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

davide32 ha scritto:che risposta eh questa?
E' un commento a queste asserzioni:

"L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico."

"Lo stesso problema che abbiamo nel bel Paese, almeno dalle mie parti "

Intendo dire che queste non sono condizioni fisse e possono essere cambiate. Nessuno è obbligato a rimanere nella fascia di "famiglia a reddito basso".

Quindi il problema non è tanto il costo dei prodotti bio, ma la credenza che uno non possa cambiare le proprie condizioni economiche.
Avatar utente
braveheart
Veterano
Veterano
Messaggi: 800
Iscritto il: 29 aprile 2008, 6:00
Località: prov. Como
Contatta:

luciano ha scritto:
davide32 ha scritto:che risposta eh questa?
E' un commento a queste asserzioni:

"L'unico problema semmai è il costo. Una famiglia con un reddito basso è di sicuro svantaggiata e disincentivata a comprare biologico."

"Lo stesso problema che abbiamo nel bel Paese, almeno dalle mie parti "

Intendo dire che queste non sono condizioni fisse e possono essere cambiate. Nessuno è obbligato a rimanere nella fascia di "famiglia a reddito basso".

Quindi il problema non è tanto il costo dei prodotti bio, ma la credenza che uno non possa cambiare le proprie condizioni economiche.
Non voglio iniziare una discussione, tra l'altro OT, che non porterebbe da nessuna parte, ma non condivido per niente questo tuo pensiero.

Al negozio bio dove mi servo hanno dei prezzi che ritengo "vergognosi", oltre il doppio rispetto ai prodotti della grande distribuzione, e molto piu' cari anche di quelli bio di quest'ultimi.
Ti spiego il perchè: al sabato vado a far spesa, e di fianco a me ci sono persone sicuramente con reddito di fascia alta, nel parcheggio hanno dei SUV da far paura, riempono il carrello fino a straboccare e ci lasciano come minimo 300 euri.
Quindi con questo tipo di clientela si possono permettere di vendere a prezzi fuori dalla norma; ho un amico che compra al mercatino vicino Como dagli agricoltori, roba bio ma senza il marchio, di qualita', molto buona e con prezzi nettamente inferiori.

Ho provato a cambiare la mia "condizione fissa", ma credimi che coi tempi che corrono non è facile..sono un operaio, senza titoli di studio, e girando per altre aziende mi propongono sempre un lavoro simile a quello che gia' svolgo, ovviamente con la stessa busta paga.
Sicuramente ho sbagliato qualcosa in passato se la mia situazione oggi è cosi', ma la realta' è questa, e la maggioranza della popolazione è nella mia condizione, se non peggio.

Ti faccio un esempio: la benzina oggi costa 1.35 euri al litro, domani la portano che so, a 10 euri..che facciamo?..cambiamo tutti le "nostre condizioni economiche"?..oppure ce ne andiamo in giro in bicicletta :D

Penso che ci debba essere piu' onesta da parte di chi vende, specialmente per i beni di consumo; se cosi' fosse, non ci sarebbe la necessita' di "cambiare le nostre condizion economiche", per colpa di pochi che vogliono lucrare alla grande.
"Sta a ciascuno di noi scegliere se abbandonare la Terra e porre le nostre speranze in un'arca di Noe' spaziale o convertire la Terra nel paradiso terrestre che era in origine."
M. Fukuoka

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione