Solitudine e cibo

Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".

Moderatori: luciano, Moderators

Regole del forum
Discussioni su Arnold Ehret e l'Ehretismo. Possono partecipare tutti gli utenti iscritti che hanno letto il libro sulla "Dieta Senza Muco".
Non c'è posto per commenti su ideologie politiche, disinformazione, ecc, che possono trovare posto su altri siti pertinenti. Questo è il forum della dieta di Ehret.
Rispondi
Ronson

Solitudine e cibo

Messaggio da Ronson »

Da qualche tempo sta maturando in me una lenta consapevolezza di una cosa: mi accorgo quando sono solo, o non so che fare, mi vien voglia di mangiare un po tutto, frutta, pizza, carne.

Un po di volte ci sono cascato, ma poi mi sono lentamente reso conto che c'è qualcosa di strano: solitudine=cibo!

Sembra una trappola talmente ben messa che entra facilmente, ho cercato di capirne le origini, dev'essere una cosa che ho sin da piccolo, ma non riesco a farla sparire.

Anche a voi è mai capitato?


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Yngwie79
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 142
Iscritto il: 16 novembre 2009, 6:00
Località: Roma

Messaggio da Yngwie79 »

Esiste un legame dolore-piacere, quando sei solo cerchi piacere attraverso il cibo.
Dovresti prendere un foglio e scriverci sopra almeno altri 10 modi con cui passare da dolore al piacere che non sia il mangiare.
Esempio io leggo, suono la chitarra, vado a pattinare, vado al parco, ecc...

Una bella lista e poi impegnarsi a metterla in atto!!!

:D
Sono il padrone del mio destino, sono il capitano della mia anima.
Avatar utente
alex7
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 66
Iscritto il: 29 marzo 2008, 5:00
Località: napoli

Messaggio da alex7 »

secondo me,prima di cercare un ammazzatempo o un alternativa,dovresti cercare di capire perchè fai questa associazione solitudine=cibo
e se è riconducibile ad eventi dell'infanzia,o ad abitudini che hai preso in quel periodo


un evento,o una serie di eventi,sensazioni ecc,soprattutto se nell'infanzia,potrebbero aver generato un condizionamento tipo pavloviano.


fatta luce su questo (i tempi e modi sono variabili.....ma meglio non andare di fretta,anche perchè per affacciarsi sul pozzo dell inconscio....bisogna raccogliere tutte le energie ,e tenere la mente ben salda.....altrimenti si rischia di perdersi ed ingarbugliarsi ancora di più)
credo non ci sarà bisogno di trovare un rimpiazzo....tutto viene da se....credo.
il vero e unico problema che ha il Potere è il risveglio della coscienza delle Individualità. Persone libere di pensare, sentire e agire, sono veramente pericolose!
Avatar utente
erre
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 466
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 6:00
Località: Cagliari

Messaggio da erre »

A me succede che quando mi trovo solo vengo attratto a mangiar frutta e solo quella.

Ognuno porta con se le proprie convinzioni. Sono queste che devono cambiare.
Avatar utente
giove
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 181
Iscritto il: 27 febbraio 2010, 6:00
Località: Macerata

Messaggio da giove »

IO penso che più si sta fuori casa meno si è attratti dal cibo.
Ronson

Messaggio da Ronson »

giove ha scritto:IO penso che più si sta fuori casa meno si è attratti dal cibo.
Ma questo un espediente, io penso che questa faccenda dovrebbe essere una cosa naturale del corpo cioè: quando il corpo chiama lo si alimenta. Non dovrebbe esserci un collegamento mente-corpo più di quanto non sia il naturale stimolo del mangiare.

A volte penso che nel mio caso essendo una cosa non naturale, che forse sono tossine in circolo, è la stessa cosa di come quando uno si sente triste, depresso, allegro o altre emozioni innaturali.
Avatar utente
swami863
Veterano
Veterano
Messaggi: 1109
Iscritto il: 6 gennaio 2010, 6:00
Località: Torino

Messaggio da swami863 »

Io ho lavorato molto su di me per capire perchè ho avuto nella mia vita problemi anche seri col cibo: seono arrivata alla conclusione che non mi ha aiutato a nulla capire IL PERCHE', ma mi aiuta di più FARE AZIONE!!

Io ad esempio ho capito che tendo ad avere meno controllo sul cibo, o forse meno ascolto di me, se sono troppo STANCA o SOLA o AFFAMATA: sono 3 condizioni che non devo sfidare perchè l'andare verso il cibo in modo eccessivo o compensativo è facilissimo in quei momenti!

Sapendolo, cerco di evitare per quel che posso questi stati...è un "farla semplice" forse, ma FUNZIONA!!!! :wink: :P

Ale
Ronson

Messaggio da Ronson »

swami863 ha scritto:Io ho lavorato molto su di me per capire perchè ho avuto nella mia vita problemi anche seri col cibo: seono arrivata alla conclusione che non mi ha aiutato a nulla capire IL PERCHE', ma mi aiuta di più FARE AZIONE!!

Io ad esempio ho capito che tendo ad avere meno controllo sul cibo, o forse meno ascolto di me, se sono troppo STANCA o SOLA o AFFAMATA: sono 3 condizioni che non devo sfidare perchè l'andare verso il cibo in modo eccessivo o compensativo è facilissimo in quei momenti!

Sapendolo, cerco di evitare per quel che posso questi stati...è un "farla semplice" forse, ma FUNZIONA!!!! :wink: :P

Ale
Sono d'accordo, in questi momenti a volte mi butto su frutta e verdura e a volte mi accorgo che ne ho mangiati troppo.
E' una specie di compromesso con me stesso: un minor male.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13360
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Messaggio da luciano »

swami863 ha scritto:Io ho lavorato molto su di me per capire perchè ho avuto nella mia vita problemi anche seri col cibo: seono arrivata alla conclusione che non mi ha aiutato a nulla capire IL PERCHE', ma mi aiuta di più FARE AZIONE!!

Io ad esempio ho capito che tendo ad avere meno controllo sul cibo, o forse meno ascolto di me, se sono troppo STANCA o SOLA o AFFAMATA: sono 3 condizioni che non devo sfidare perchè l'andare verso il cibo in modo eccessivo o compensativo è facilissimo in quei momenti!

Sapendolo, cerco di evitare per quel che posso questi stati...è un "farla semplice" forse, ma FUNZIONA!!!! :wink: :P

Ale
Sono d'accordo. Il rimuginare sul perché di solito ci fa introvertire di più nella selva dei pensieri.

Agire invece ci estroverte, ci fa partecipare di più nel mondo esterno.
Soluzione è osservare quando non siamo nella morsa del cibo e allungare quei momenti o ripetere le circostanze in cui si è liberi.
Avatar utente
swami863
Veterano
Veterano
Messaggi: 1109
Iscritto il: 6 gennaio 2010, 6:00
Località: Torino

Messaggio da swami863 »

...come scrivi bene Luciano ora che non hai più la "tastiera croata",,, :wink: :P :lol:

A.
Avatar utente
alex7
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 66
Iscritto il: 29 marzo 2008, 5:00
Località: napoli

Messaggio da alex7 »

....secondo me si deve distinguere frà il rimuginare e il lavoro introspettivo..........
il vero e unico problema che ha il Potere è il risveglio della coscienza delle Individualità. Persone libere di pensare, sentire e agire, sono veramente pericolose!

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti