Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

Avatar utente
By soultrap
#20481
è un pò di tempo che non riesco proprio a controllarmi, mangio troppa frutta essiccata come fichi secchi datteri prugne albicocche, esco pazzo

da oggi spero di riuscire a controllarmi e mangiarne solo un paio al giorno

l'eccesso è sempre una brutta cosa anche se si tratta di frutta

a presto :)
Avatar utente
By mauropud
#20487
soultrap ha scritto:è un pò di tempo che non riesco proprio a controllarmi, mangio troppa frutta essiccata come fichi secchi datteri prugne albicocche,

Io li mischio a noci et similia (es. noci brasiliane) e mi riempiono abbastanza velocemente. Oggi circa 8 datteri e 20 noci brasiliane. :P
Avatar utente
By Luck
#20940
Anche io ne mangio molta, sopratutto ora sotto Natale.
A tal proposito volevo chiedere:
Mangiare frutta dopo i pasti è sconsigliato, vale lo stesso ragionamento per la frutta secca? Spesso sento il bisogno di mangiare qualcosa di dolce a fine pasto, per cui chiedo cosa sia consigliabile mangiare o bere per chiudere il pasto con il sapore dolce in bocca.
Grazie.
Avatar utente
By soultrap
#20941
e be, mi spiace dirti che penso sia la stessa cosa della frutta fresca, anzi peggio perchè gli zuccheri sono concentrati e provocano fermentazione con gli amidi ingeriti e ciò vale per tutte le sostanze zuccherine.
Avatar utente
By Antishred
#20945
ehh come vi capisco... il pasto per me si è sempre chiuso con il dolcetto. sennò mi sembrava di non averlo neanche finito!
a volte spalmo un pochino di miele su una fettina di pane tostato, altre mangio nocciole con un po'di miele, altre ancora qualche biscotto al grano saraceno (è leggermente dolciastro anche se non ha dolcificanti)... bisogna ingegnarsi! a volte invece resisto un'oretta o due e poi mangio dei datteri o dei fichi secchi come spuntino. a quel punto probabilmente l'effetto fermentazione passa... sbaglio?

ma comunque l'autocontrollo è centrale. sennò la situazione sfugge di mano e... boh?

anyway, in bocca al lupo!

Carlo
Avatar utente
By Calogero
#20946
Antishred ha scritto:a volte invece resisto un'oretta o due e poi mangio dei datteri o dei fichi secchi come spuntino. a quel punto probabilmente l'effetto fermentazione passa... sbaglio?

Non sbagli. La frutta, che sia fresca o essiccata, produce fermentazione nello stomaco se viene ingerita insieme ad altri cibi che la costringono a restare più tempo del dovuto nello stomaco; altrimenti, se viene mangiata da sola, dopo una mezzoretta passa nel tubo intestinale, tranne quella amidacea, che permane un po' di più.
Comunque anche mangiare troppa frutta essiccata da sola non permette che questa lasci lo stomaco velocemente e quindi produce un po' di fermentazione.
Per il momento seguo il consiglio di Ehret, cioè mastico la frutta essiccata insieme a qualche seme oleoso, soprattutto la mandorla, che tra tutti i semi oleosi è l'unico alcalinizzante ed il più ricco di magnesio. Va anche considerato che la presenza dei grassi dei frutti oleosi rallenta l'afflusso nel sangue da parte del glucosio scisso dal fruttosio, per cui, a scapito di un poco di fermentazione, si impedisce di innalzare troppo la glicemia, visto anche che non è difficile esagerare con la frutta essiccata, essendo anche poco voluminosa e quindi riempie meno lo stomaco.
La cosa migliore in assoluto sarebbe mangiarne pochi frutti da soli e se si vuole mangiare anche la verdura nello stesso pasto, aspettare un po', come dice anche Ehret.
Avatar utente
By Luck
#20947
Calogero ha scritto:Non sbagli. La frutta, che sia fresca o essiccata, produce fermentazione nello stomaco se viene ingerita insieme ad altri cibi che la costringono a restare più tempo del dovuto nello stomaco; altrimenti, se viene mangiata da sola, dopo una mezzoretta passa nel tubo intestinale, tranne quella amidacea, che permane un po' di più.


Se non ricordo male, Ehret consigliava di mangiare frutta e dopo "soli" 20 minuti passare al pasto.
Avatar utente
By Calogero
#20948
Sì, Luck, questo è vero; probabilmente perché dopo quel lasso di tempo l'ingestione delle verdure non disturba il passaggio della frutta nell'intestino o lo disturba poco. Se Ehret ha dato questo consiglio, sicuramente è sensato.
Avatar utente
By Antishred
#20952
giusto quello che scrivete.
tuttavia ho sempre un dubbio: ha senso (parlo per me che sono a inizio transizione, ancora a verdure cotte e crude a dir tanto) mangiare frutta a pranzo prima della verdura?
arrivando dal digiuno notturno, la cosa di cui ci sarebbe più bisogno non è forse l'insalata, la cosiddetta "scopa intestinale"? perciò la frutta dove sta per chi è in transizione? (intendo se non si vuole fare un pasto intero di sola frutta). forse prima di cena? forse mai? come spuntino? ma se è uno spuntino allora quanti pasti al giorno diventano?
bahh.
come al solito quando mi pongo queste domande, mi rispondo di avere pazienza: un giorno ti potrai godere tutta la frutta che vuoi. ora, giù di carote!
Avatar utente
By davide32
#23602
va bene la mia regola:verdure prima e poi un primo o un secondo nella mia lenta transizione
Avatar utente
By Antishred
#23605
Boh sì è un buon inizio... la prima fase è proprio quella di "mangiare tonnellate di verdura" :D - sempre a inizio pasto eh, come hai ben detto anche tu.

Ciao

Ho letto con interesse la tua esperienza per la pu[…]

Di solito il magnesio viene assorbito meglio, quan[…]

Clisteri o idrocolonterapia

Non ho mai avuto esperienza di idrocolonterapia, m[…]

Diario di Narayani

:)

Libri di Arnold Ehret