Arnold Ehret Italia

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante e tutto quanto può essere utile per fare la transizione senza sforzi considerevoli

Moderatore: luciano

By alkampfer
#34152
ciao a tutti, volevo chiedervi se, mangiando due tipi di frutta (di solito io mangio 2 mele e 1 banana a pranzo prima di una insalata mista) lo si puo fare benissimo o tra un tipo e l'altro è meglio aspettare qualche minuto.
mi è venuto questo dubbio strano :S
Avatar utente
By Giacomo97x
#34157
Come saprai meno miscugli fai meglio è, la perfezione sarebbe un monopasto fino a sentirsi sazi, ma anche per soli 2 tipi di frutti non casca certo il mondo. E' preferibile fare una pausa tra un tipo di frutto e l'altro. :wink:
By alkampfer
#34158
ok grazie mille, è quello che per istinto facevo
ciao!
By Maryza
#34165
Alcuni suggerimenti per variare i pasti di frutta:

la frutta non va mangiata a fine pasto ma almeno 20 minuti prima; può essere l'occasione per mangiare solo frutta se non c'è molto tempo per il pasto completo.

Per la combinazione dei cibi, sappi che nel regno animale solo l'uomo fa pasti combinati. (a parte quelli che vivono con l'uomo)

Per quanto riguarda le tipologie di frutta, salvo errori ed omissioni, ti dico a grandi linee come le puoi combinare:

frutta dolce o zuccherina:
albicocche, mele, pere, anguria (si mangia da sola), meloni arancioni e gialli (si mangiano da soli) banane (meglio mangiarle da sole)
avocado, cocco, uva nera, mango, prugne, fichi freschi.

Frutta acida:
agrumi, (arance-limoni-pompelmi) ananas, frutti di bosco, albicocche, bacche, cigliege, mirtilli, uva bianca, kiwi, prugne, nespole, pesche, melegrane, fichi d'india, gelsi, ananas, susine. A volte sono considerate semi-acide particolari tipi di mele e pere (secondo la qualità).

Frutta oleosa:
noci,nocciole, mandorle, pinoli noci del brasile. Anche la frutta oleosa dovrebbe essere mangiata da sola; anche se esiste la compatibilità fra frutta acida ed oleosa non ne è consigliabile l'associazione.
Questi frutti oleosi noci, nocciole, mandorle dolci, pinoli dolci si combinano bene con le insalate di verdura e ortaggi.

Una eccezione:
arance e pane (integrale) in questa combinazione gli acidi, impedendo lo sdoppiamento normale dell'amido in maltosio e glucosio, originano una fermentazione acida che favorisce l'acidificazione del sangue.

Per concludere:
a parte il mix della frutta da evitare, qui il vero fattore è quello di Non combinarne più di tre tipi, comunque MEGLIO SE UNO SOLO, per pasto.

Ricorda: NESSUN ANIMALE FA PASTI COMBINATI!!!

Devo dire che in fase di dieta di transizione, ho avuto modo di verificare che frutta e verdure a foglia verde sono un ottimo punto di partenza per poi proseguire e giungere ai soli pasti di frutta. Il vero punto d'arrivo!!!

Giungere a mangiare solo frutta è un processo che prevede tempi personali e mai gestibili da manuale.

"...solo la frutta, anche di un solo tipo, non solo guarisce, ma nutre perfettamente il corpo umano, eliminando completamente ogni possibilità di malattia".
Pag 126 il sistema di guarigione della dieta senza muco.

Un abbraccio :wink:
Maryza
By xavier
#34166
Aggiungo che secondo me l'avocado combina benissimo con la frutta a cida, ma che comunque si abbina bene anche con la dolce....infatti l'avocado non ha pochissimi zuccheri, tipo il 7% e quindi va bene con qualsiasi frutto e verdura!!
Spesso mi faccio bei piatti di arance con avocado o mele con avocado....o insieme a verdure varie...mi ispira molto banane-avocado....da provare!!! :D :D
By Maryza
#34168
Naturalmente, non ho citato la frutta esotica...

Se fino a qualche tempo fa l'unica frutta esotica che si poteva trovare sporadicamente sulle nostre tavole poteva essere un pompelmo, un ananas o, al massimo, una noce di cocco, attualmente frutti tropicali maggiormente variegati hanno conquistato sempre piu' un posto stabile tra le nostre preferenze. Vengono importati direttamente dai luoghi di produzione e si distinguono per le forme sovente originali, i colori sgargianti, i profumi fortemente aromatici ed i sapori inebrianti. Hanno spesso nomi impronunciabili e, in quanto a proprieta' nutritive, niente da invidiare ai prodotti nostrani.

Ecco qui di seguito un elenco completo dei frutti esotici piu' disparati, provenienti principalmente dai paesi dal clima tropicale dell'Africa, dell'Asia e dell'America (Non conosco le combinazioni poichè ne faccio un uso sporadico solo di alcuni frutti…ne scoprirete sicuramente qualcuno nuovo e la curiosita' di assaporarlo sara' senza ombra di dubbio fortissima!!!):

Alchechengi- Anacardio- Ananas-(so per certo che va mangiato da solo) Avocado- Babaco- Banan- Carambola
Cherimoya- Dattero- Durian- Feijoa- Frutto della passione- Guava
Kiwano- Kumquat- Lime- Litchi- Mango- Mangustan- Noce di cocco
Papaia- Pitaya- Rambutan- Salak- Sapodilla- Tamarindo.

Immagine

Un abbraccio :wink:
Maryza
Ultima modifica di Maryza il 1 febbraio 2010, 22:30, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
By swami863
#34170
Approfitto della tua esperienza per chiederti un consiglio a proposito della frutta secca: i fichi e i datteri li adoro, ma i primi sto scoprendo che li digerisco poco.
Come li hai abbinati nella tua esperienza?
Leggo di persone che mangiano decine di fichi e datteri, sicuramente lo stomaco un pò si abituerà nel tempo, ma per ora io li so introducendo con cautela...
E' un mese che vi seguo, leggo e rileggo il libro, ma tante cose le sto un pò verificando sulla mia pelle: ad es. a non essere troppo rigida, soprattutto a non esagerare con la frutta, perchè mi crea un blocco totale dell'intestino, pur usando i clisteri!
Dall'altra, pur in poche settimane, sto benissimo, sparito il mal di stomaco, il dolore alla cervicale e anche l'umore è sempre più stabile, sono entusiasta!!
Un abbraccio e grazie per la tua condivisione che terrò preziosa!
Ale
By Maryza
#34174
Le proprietà nutrizionali della frutta secca, ricchezza di fibre, proteine, vitamine B e E e sali minerali, niente colesterolo, potrebbero essere utili al nostro fisico durante tutto l'anno. Naturalmente non è bene eccedere.

Ricca di sali minerali, di vitamine e di grassi che combattono l'accumulo di colesterolo, è un alimento ideale per gli spuntini tra un pasto e l'altro come fonte di energia di pronto utilizzo.

Nel parlare di frutta secca ci si riferisce genericamente alle sue varietà senza operare la dovuta distinzione tra quella a guscio, che comprende le noci, le nocciole, le mandorle, i pinoli, le arachidi e i pistacchi, e quella polposa disidratata tra cui i fichi, le prugne, le albicocche, l'uva passa e i datteri. Caratteristica comune a entrambi i tipi è quella di essere poveri d'acqua, anche se la frutta a guscio lo è naturalmente, mentre la polposa lo diventa in seguito ai trattamenti di disidratazione cui viene sottoposta.

Tra la frutta secca polposa i datteri sono una buona fonte di magnesio e potassio, l'albicocca è ricca di caroteni e di magnesio e l'uva passa di ferro, potassio e vitamina E.

Tutta la frutta secca è altamente digeribile quando consumata a colazione o come spuntino e, in virtù dell'alto contenuto in fibre, aiuta la funzionalità intestinale. Alcune varietà mostrano anche pregi che vanno oltre il valore nutrizionale. Le prugne secche, per esempio, hanno un'azione importantissima a livello dell'intestino perché essendo ricche di fibre sono ottime contro la stitichezza: ti consiglio di bollirle nell'acqua e di consumarle insieme al liquido di cottura. Lo stesso discorso vale per i fichi (scioglimuco per eccellenza) e per l'uva passa (ricca di vitamina C). Le mandorle sono importanti anche nel campo dell'estetica perché l'olio di cui sono ricche è ottimo per combattere la secchezza della pelle e dei capelli.

Non sempre però la frutta secca si rivela un alimento utilizzabile. Ci sono infatti categorie di persone che si devono astenere dal consumarla, per esempio chi soffre di problemi renali, chi segue regimi dietetici ipocalorici, i diabetici, che devono evitarla per l'alto contenuto di zuccheri. Anche chi è affetto dal morbo di Crhon in fase acuta, dalla rettocolite ulcerosa, o chi soffre di colite, malattie che impongono una dieta priva di fibre, si deve astenere dal consumarla.

Guarda io li abbino volentieri nei frullati di banana con aggiunta di un pò di latte di mandorle o latte di avena.

A volte centrifugo 2/3 mele e poi le metto nel frullatore insieme ai 5/6 fichi secchi alternando con 5/6 datteri o con 5/6 prugne secche, o una bella manciata di uva passa o di albicocche. Risultato è che sono molto più digeribili e molto energetigi, infatti possono sostituire tranquillamente un pasto lasciandoti un senso di sazietà fino al prossimo pasto che naturalmente potrai farlo a base di verdure crude e cotte.
Inoltre tolgono la voglia di mangiare dei dolci poichè sono un concentrato di zuccheri naturali.

In molte ricette utilizzo nocciole o mandorle che tosto leggermente in forno prima dell'impiego. (ma questa è un'altra storia)

Un abbraccio :wink:
Maryza
By Maryza
#34184
Per un'informazione più dettagliata...

L'avocado è da usare più come ortaggio che come frutta. La polpa si può condire con olio, aceto, sale e pepe; si può aggiungere al condimento un po' di senape e uno spicchio d'aglio schiacciato, oppure salsa aurora o maionese (senza uova). La polpa cremosa può essere spalmata sul pane. Tagliato a dadini arricchisce l'insalata mista.

Un abbraccio :wink:
Maryza
By Alberto22
#34331
Per Maryza, dove hai trovato la lista della frutta acida e zuccherina?
Cosa succede se la si mangia assieme?
By Maryza
#34356
Ci sono varie fonti d'informazione... Ho visitato questi siti e poi ho fatto un riassunto applicando il più possibile la dieta di Ehret.

http://www.naturalmente.org/consigli/co ... ntari.html

http://translate.google.it/translate?hl ... gAcid.html

http://www.studirosacrociani.com/testi_ ... ariana.htm

Un abbraccio :wink:
Maryza

Infatti ho detto che si rischia, non che tutti lo […]

AVOGADO TOSSICO?

Quello sempre, anche se bisogna poi vedere se sia […]

Grazie OPT! :D I tuoi post sono illuminanti. Dimo[…]

La panoramica di Ienk

Mi dici prima che il canino con la formazione è il[…]

Libri di Arnold Ehret