Arnold Ehret Italia

Moderatori: luciano, O.P.T

Regole del forum: In questa sezione puoi rispondere agli argomenti, ma gli argomenti possono essere aperti solo da O.P.T.
Avatar utente
da O.P.T
#87149
Mi sembra giusto andare a toccare questo argomento tanto discusso per fare qualche riflessione personale.
Il dente devitalizzato può causare gravi problemi di salute, sul forum troverete tutte le spiegazioni del caso e testimonianze raccolte da Lorenzo Acerra.
Il problema principale è che la medicina ufficiale non mette in relazione la causa (dente devitalizzato) con l'effetto (patologia correlata).
Quindi non ammette che una devitalizzazione possa creare malattie o patologie, tranne quelle legate alla zona delle radici, piccoli ascessi o granulomi.
Il problema, come sempre, è anche un problema statistico.
Miliardi di devitalizzazioni dovremmo essere tutti morti o malati, lo stesso discorso che si fa per il mercurio degli amalgami.
Come sempre l'individuo non viene considerato, ma nella realtà molte persone hanno problemi di salute legati a devitalizzazioni dentali, per fortuna non tutti.

Intanto andiamo a cercare di capire perché si devitalizza un dente, cioè lo si priva di vita togliendone il fascio vascolo-nervoso all'interno, per lasciarlo in bocca oramai non più connesso all'organismo e divenuto corpo estraneo.

Il motivo principale è il dolore, una carie arriva a infettare il nervo che si infiamma e provoca nevralgia.
A questo punto non c'è via di ritorno, o si toglie il nervo o si toglie il dente.
Aspettando che il dolore passi senza intervenire , il nervo morirà e infetterà tutto il dente, osso e legamento.
Questa infezione, se acuta, darà un ascesso, altrimenti un granuloma e nei casi peggiori una osteite, cioè infetterà l'osso circostante.
La devitalizzazione fatta tardivamente, chiamata cura canalare, è molto più rischiosa perché oramai il dente è già impregnato di batteri e potrà causare molto più facilmente infezioni ossee e focalizzarsi.
Quindi una cosa è certa, prima si devitalizza meglio è, i rischi di infezione saranno minori.
Ricordiamo sempre che l'alternativa è l'estrazione!
Molti fruitori del forum, non volendo devitalizzare il dente perché sarebbe un corpo morto fanno peggio, utilizzando terapie complementari completamente inutili che porteranno il dente ad impregnarsi di tossine e batteri.
A quel punto, piuttosto che toglierlo, lo fanno devitalizzare quando è diventato oramai un ricettacolo di colonie ben organizzate e pericolose per l'organismo.
Meglio un dente ben devitalizzato, quando ancora non si è infettato e che ci accompagnerà per una decina di anni, piuttosto che un dente infetto, devitalizzato male per aver aspettato troppo.

Certo abbiamo comunque un corpo morto in bocca che potrebbe provocare qualsiasi tipo di fastidi ma allora che fare?
Tutto dipende da un insieme di fattori.
  1. la devitalizzazione deve essere fatta quando il dente non è ancora in necrosi.
  2. deve essere fatta BENE, sotto diga e da un operatore coscienzioso.
  3. la persona deve essere in salute e poter quindi tollerare il trauma e un corpo estraneo, di certo non si farà su una persona neoplastica o con patologie importanti, ma allo stesso tempo in una persona ipersensibile è da evitare.
  4. la devitalizzazione deve essere considerata un ripiego e non la prassi.
  5. il dente devitalizzato deve essere considerato già da estrarre dopo 10-15 anni al massimo dalla devitalizzazione.
  6. se un dente devitalizzato di recente provoca fastidi, bollicine, doloretti, nevralgie, sensazioni di un qualcosa che non va deve essere estratto! Se facendo lastre negli anni a seguire si vedono agli apici delle radici zone scure o delle zone sono dolenti in corrispondenza sulla gengiva, il dente deve essere estratto.
  7. i denti del giudizio non vanno mai devitalizzati!
  8. i lavori di protesi, fatti su denti già devitalizzati da parecchi anni, portano solo guai.
  9. SE DOPO LA DEVITALIZZAZIONE INSORGONO SINTOMI CHE NON C'ERANO PRIMA , DI QUALSIASI TIPO, IL DENTE VA ESTRATTO!
Bene, ho dato parecchie indicazione per continuare a tenersi il dente qualche anno senza avere problemi.

Demonizzare la devitalizzazione non è giusto, come non è giusto farla per superficialità del dentista o per incuria del paziente che aspetta troppo tempo, quando accusa quei dolorini che avvisano che è ora di curare il dente, senza arrivare al bivio della devitalizzazione.

Quindi, il mio consiglio finale, è quello di curarsi la bocca e, naturalmente il fisico, per evitare che le carie arrivino in profondità.
Valutare, in caso di nervo compromesso, il proprio stato di salute, per decidere se affrontare la morte di un dente o procedere all'estrazione.

La scelta non è facile a priori, spero di aver chiarito, almeno in parte, qualche lacuna.
enteroclisma

salve,volevo porvi un quesito,da quando sto cercan[…]

OPT Pitagorean

Salve mi chiamo Davide, nato il 14/09/1994. Ecco l[…]

Presentazione Pitagorean

Ciao a tutti, sono un ragazzo di 24 anni, ho scope[…]

per strada mi insultano perché il paese &[…]

Libri di Arnold Ehret