Nodulo mammario

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
rosablu
Newbie
Newbie
Messaggi: 6
Iscritto il: 25 maggio 2008, 6:00
Località:

Ciao a tutti.
Eccomi di nuovo a scrivere dopo il messaggio di presentazione. Come vi avevo detto ho un grande nodulo mammario sviluppatosi molto in poco più di un anno, prima che conoscessi il sistema Ehret.
Ho deciso di seguire la dieta ed i digiuni restandomene a casa, ma lungo il percorso qualche dubbio affiora ed allora voglio rivolgermi a voi per avere anche un vostro parere soprattutto sulla dieta da seguire.
Intanto voglio dirvi che sono al 18° giorno di digiuno con succhi, prevalentemente succhi di arance, e voglio concluderlo al 21°, ormai manca poco; come quantità di liquidi ingeriti nella giornata, compreso acqua e limone, arrivo ad un litro o poco più. Ogni mattina clistere con acqua e due o tre limoni interi centrifugati (ottimo sistema rispetto alla sola acqua). Dall'inizio del digiuno sono dimagrita 5 kg, mi sento benissimo (a parte il dolore al nodulo) non ho avuto mai, da quando pratico i digiuni, crisi di disintossicazione molto evidenti anche se qualche cosa me l'aspettavo e invece neanche un raffreddore. Ogni giorno, pioggia permettendo, vado a spasso con la mia cucciolona e facciamo delle lunghe camminate e devo dire che stare fuori quando c'è il sole e a contatto con la natura è un vero toccasana, mi dimentico di tutto e soprattutto non penso al cibo. Volevo parlarvi anche di questo, del cibo e della voglia che si ha di mangiare durante i digiuni che a me resta sempre uguale durante tutto il tempo, nel senso che non ho i crampi allo stomaco per la fame, ma la voglia di mangiare e magari pensare proprio ai cibi proibiti è spesso presente e se non ci fossero queste voglie potrei proseguire il digiuno ad oltranza visto che non ho altri disturbi.
Lo so, meglio non fare digiuni troppo lunghi anche se con succhi.

Tornando alla dieta: io mi chiedo se, dovendo risolvere un problema piuttosto rilevante, posso seguire una normale transizione o devo cibarmi esclusivamente di cibi senza muco?
Mi posso concedere qualche sgarro con cibi mucosi e poco mucosi? Ehret nella sua clinica, per i casi gravi, come si comportava? Lui parla del menu standard con poco o senza muco e dei trattamenti speciali riservati a quei pazienti sotto trattamento personale.
Presumo che per chi non avesse crisi di disintossicazione facesse adottare esclusivamente una dieta senza muco.
Da quando ho iniziato la transizione ho eliminato subito carne, latticini, pesce, e diminuito molto il consumo di farinacei, ho fatto uso di pane di segale tostato e qualche volta pizza bianca con sole verdure grigliate, pochissime volte pasta di farro con verdure; da un paio di mesi ho sostituito il pane di segale con il pangermoglio

Mi piacerebbe sentire anche un vostro parere in base alle vostre esperienze o conoscenze varie.
Saluti,
rosablu


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
rolando7
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 91
Iscritto il: 4 dicembre 2008, 6:00
Località: Roma

Naturalmente usi succhi freschi, non in scatola o in bottiglia, vero?
R.
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2006
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

Ciao Rosablu,
Ehret consigliava prudenza agli individui piu' intossicati, quindi ben venga una transizione "lenta", per cui quello che stai facendo credo possa andare bene. Aggiungo il consiglio di eliminare piu' roba confezionata possibile, in quanto piena di ogni tipo di sostanze chimiche.
Tieni conto che la natura non fallisce mai ba bisogna darle tempo, quindi si parla di mesi e anni! :D

Per quanto riguarda il digiuno, fai molta attenzione a come lo interrompi: i primi pasti dovrebbero consistere di cibi non mucosi che possano essere espulsi nel piu' breve tempo possibile. Verdura a foglie lessa tipo spinaci o bietole vanno benissimo. Se ti senti meno intossicata ti fai delle insalate di foglie crude, mentre solo chi sa di essere gia' molto "pulito" puo' mangiare frutta senza problemi. Niente amidacei o simili, mi raccomando! :D
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
rosablu
Newbie
Newbie
Messaggi: 6
Iscritto il: 25 maggio 2008, 6:00
Località:

Non faccio uso di cibi conservati, i succhi sono di frutta fresca e gli agrumi e le verdure provengono dal mio orticello.
Vorrei interrompere il digiuno con qualche prugna secca rinvenuta in acqua bollente ed a seguire verdura cruda o spinaci al vapore.
Grazie per le risposte.
rosablu
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2006
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

rosablu ha scritto:Non faccio uso di cibi conservati, i succhi sono di frutta fresca e gli agrumi e le verdure provengono dal mio orticello.
Vorrei interrompere il digiuno con qualche prugna secca rinvenuta in acqua bollente ed a seguire verdura cruda o spinaci al vapore.
Be' se usi solo roba fresca sei ad un buon punto allora! :-D

La verdura va benissimo: io tralascerei le prugne secche rimandandole ad un pasto successivo, visto che meno miscugli si fanno (anche di cose "buone") e meglio si digerisce. Come dice Ehret, il pasto leggero e' un monopiatto! :)
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione

L'Opera completa di Arnold Ehret: sei libri
Qui trovi la descrizione di ogni libro di Ehret: I sei libri di Arnold Ehret