Bio e business

Quando non sai dove mettere il tuo messaggio mettilo qui. Se devi fare delle battute, falle qui. Non sono permesse battute sulla dieta o sugli utenti.

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
sibillina
Veterano
Veterano
Messaggi: 810
Iscritto il: 28 maggio 2008, 6:00
Località: lugano

Ho notato che ultimamente il mercato del bio si sta sviluppando sempre piu'. Da circa 3 mesi ci sono moltissimi prodotti marchiati bio(che prima non c'erano) nei supermercati che frequento qui a Lugano e nell'ultimo mese la pubblicità di questi ultimi punta tutta sul biologico.

Sarà meglio o sarà peggio?

Voglio dire, dove trovano ora improvvisamente la disponibilità di terreni sani per coltivare tutta questa grossa e nuova quantità di merce che offrono?

Mi riferisco ovviamente solo alla frutta e verdura perchè l'offerta di prodotti bio comprende una bella gamma di prodotti: parmigiano, pesce, latticini vari, merendine, persino le patatine chips bio!!!


Io mi fido sempre meno... :roll:

Ma che possiamo fare (a parte farci l'orto)?
Tutto è difficile prima di essere semplice.
Thomas Fuller

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
celestia
Veteran
Veteran
Messaggi: 627
Iscritto il: 11 giugno 2008, 6:00
Località: Cagliari
Contatta:

Ciao Sibillina
Certo il Tuo dubbio è legittimo: se Bio indica non inquinato occorre discriminare tra chi è realmente bio e gli imbroglioni che mentono, però c'è da dire che alcuni prodotti dichiarano origine biologica con il significato di prodotti free rispetto ai concimi e pesticidi chimici, es: letame degli animali usato per concimare + nutritivi del terreno naturali, o animali utili usati per evitare le lumache o altri parassiti al posto degli insetticidi e pesticidi chimici pericolosi
E' una concessione, non so se è vero o se è solo un fatto semantico, ma certo, almeno in teoria è molto meglio usare dei rospi per impedire alle lumache di rovinare la lattuga piuttosto dell'insetticida della Gesal che è più pericoloso. Poi sai bene che si vive di fiducia: se dovessimo tormentarci per i controlli arriveremo alla disperazione, purtroppo una garanzia al 100% non la dà nessuno, solo Tu che hai l'orto sei sicura, nubi tossiche a parte... Non lo dico per spaventarTi, ma la terra, ahinoi, sta male, ognuno di noi può fare poco ma intanto è buono che vogliamo provarci
Con affetto e simpatia
Celestia
"Il problema dell´umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi" B. Russell -
Il più redditizio dei commerci è comprare gli uomini per ciò che valgono e rivenderli per ciò che credono di valere
Loris1264
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 170
Iscritto il: 4 agosto 2008, 6:00
Località: Verona
Contatta:

Eh si
al bio credo ben poco purtroppo, a meno che i prodotti non arrivino attraverso un buco nero o uno Stargate da coltivazioni di 1000 anni fa -
Qualsiasi luogo qui risulta inquinato e anche poco lo fosse il terreno, anche poco lo fosse chi lo gestisce e lo cura, lo è l'atmosfera, l'aria, l'acqua piovana che gli cade addosso, etc etc. Cerchiamo di prenderci i prodotti di stagione, almeno non abbiamo sparato una nave o un aereo in giro per il mondo per portarci il cocco o qualche amenicolo tropicale ricco di vitamina blu ( 8O )

baci
Più espello più divento bello !
Avatar utente
betula
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 352
Iscritto il: 21 aprile 2008, 6:00
Località:

Io invece al bio ci credo.
Soprattutto se vai dal coltivatore locale e puoi vedere con i tuoi occhi come lavora. L'inquinamento lo respiriamo anche, per cui è utopico pensare che qualsiasi tipo di coltivazione possa esserne esente, ma tra consumare un frutto di stagione non trattato e un altro frutto gonfio di chimica, io per quanto possibile preferisco la prima ipotesi.

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione