Ma, il classico minestrone di verdure, é consigliabile?

Specifico sulla transizione, per chiedere suggerimenti, chiarire punti del libro a riguardo, descrivere sintomi comparsi all'inizio o durante.

Moderatore: luciano

Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2002
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

Il motivo per cui Ehret sconsiglia le minestre e' il fatto che sono affogate in acqua, quindi vanno contro la regola di non bere durante il pasto, per non diluire eccessivamente i succhi gastrici rallentando la digestione.

A parte questo non ci sono particolari controindicazioni, quindi ben venga il minestrone in transizione! :D
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
arko
Newbie
Newbie
Messaggi: 16
Iscritto il: 4 settembre 2009, 6:00
Località: genova

da bravo genovese, ho preso l'abitudine di mettere nel congelatore gli avazi delle verdure fresche sedano, cavolo, finocchio... una volta al mese
alle volte due faccio lo "sbancafrigo" con due dita d'acqua li faccio
cuocere, poi passo il tutto, aggiungo un pao di cucchiai di olio extravergine
ed un cuchhiaio di pesto... una crena densa, poco liquida, gustosa e facilmente digeribile.
nell'ultimo che ho fatto ho inserito un avanzo di alghe (lasciate precedentemente in ammollo) e tutti dal nonno ai bambini lo hanno mangiato di gusto..
"libertà significa il diritto di dire alla gente quello che la gente non vuole sentire."
Eric Arthur Blair
Avatar utente
massimofanta
Newbie
Newbie
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 gennaio 2007, 6:00
Località: Vaprio dAdda

Un tempo, ma neanche tanto tempo fa, quando in Europa le uniche categorie sociali erano i ricchi ed i poveri, non era difficile trovare persone talmente emarginate che, per sopravvivenza, mangiavano cibi qualche volta anche leggermente tossici ma edibili se sottoposti a cottura. Questo permetteva anche l'utilizzo dei condimenti disponibili e di fatto risultava più semplice e sicuro saziarsi con un pastone simile, cotto ma un po' saporito, e soprattutto caldo. Senza riscaldamento credo tornasse utile riempirsi la pancia con un minestrone quasi mono-verdura o radice o tutte e due, bollente ed abbomdante. I ricchi benestanti inventavano manicaretti per diletto, i poveri inventavano minstre e ... simili per necessità. Salutoni.
Massimo FANTAUZZI
Vaprio d'Adda - MI

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione