frutta maturata sull albero e quella maturata in casa?

Qui si possono proporre ricette della Dieta Senza Muco e di Transizione

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
anto1062
Newbie
Newbie
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 luglio 2010, 6:00
Località: palermo

secondo voi ci sono grosse differenze(in quanto a proprietà nutrizionali)tra la frutta che matura sugli alberi e quella raccolta acerba ma maturata in casa?
spesso infatti i frutti quasi maturi,vengono attaccati da parassiti o mangiati da uccelli ecc.Mentre se tra i due tipi di frutta non ci fossero sostanziali differenze,potrei coglierla immatura ed evitare di perderne parecchio...


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
daleo
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 546
Iscritto il: 15 gennaio 2010, 6:00
Località: Cesena

Potere raccogliere e mangiare la frutta maturata sull'albero è il massimo della bontà e qualità.
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 532
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

Beh basta che provi a mangiare dei bei fichi maturi presi direttamente
dall'albero e quelli che trovi nei market e giudichi subito.....
la pratica è superiore a tutte le teorie
Educating Instead of Medicating
StefanoⓋRAW
Avatar utente
costina
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 177
Iscritto il: 22 aprile 2009, 6:00
Località: Padova
Contatta:

Certi frutti sono più adatti a maturare in casa.
Poi, bisogna vedere quanto prima li raccogli.

A memoria:
l'uva e le mele - per nn parlare dei pomodori - maturano bene anche staccati dalla pianta.

Il fico e l'albicocca no.

I cachi li raccolgo anche - non tutti - quando sono ancora indietro, il minimo (massimo) che ho provato è appena cominciano a ingiallire...
e ne ho fino a Natale - anzi, quest'anno sono arrivato a gennaio.

Ok per i fichi, ma quelli in commercio spesso sono di una varietà particolare, moderna, fatta per resistere più a lungo, e sono davvero poco buoni.

Penso che la frutta adatta non cambi di molto le sue proprietà, e ciò dovrebbe essere distinguibile anche dal risultato-sapore.

Per i pomodori - che sono "frutti" ma non sono "frutta" :-) -, raccogliendoli prima riduci i rischi di squilibrio idrico (ovvero troppa acqua dopo una relativa siccità, che porta il frutto a spaccarsi).
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2006
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

costina ha scritto:Certi frutti sono più adatti a maturare in casa.
Io credo che la cosa ideale per tutti i frutti e' maturare sulla pianta ed essere mangiati appena raccolti, quando le loro proprieta' nutritive sono al massimo.

Quella di raccoglierli acerbi e farli maturare in qualche modo lontano dalla pianta e' solo una esigenza commerciale.
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
Narayani
Veterano
Veterano
Messaggi: 719
Iscritto il: 10 agosto 2006, 6:00
Località:

Ho una pianta di prugne che tutti gli anni quando i frutti sono maturi vengono attaccati dai vermi.
Allora devo raccoglierli prima e lasciarli maturare in cucina così sono senza vermi.
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2006
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

Se piacciono ai vermi devono essere buone! :P
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
Narayani
Veterano
Veterano
Messaggi: 719
Iscritto il: 10 agosto 2006, 6:00
Località:

Si sono buonissime.
Ma prima che arrivino le raccolgo tutte e li frego!!!

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione

L'Opera completa di Arnold Ehret: sei libri
Qui trovi la descrizione di ogni libro di Ehret: I sei libri di Arnold Ehret