Un consiglio per aiutare mio padre.

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Avatar utente
winblus
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 171
Iscritto il: 9 giugno 2006, 6:00
Località: Milano

4 settembre 2007, 16:04

:D Fabio, condivido con te la gioia che provi....ho fatto anch'io la stessa cosa con i miei!

Inutile dire che ne sono felice ma quello che effettivamente è servito ma credo anche nel tuo caso.....è l'esempio.

Se non ti avessero visto, nonostante i: ma sei pazzo!....rischi di morire ecc..che possano aver detto in passato....non sarebbero bastati i consigli o i suggerimenti ma i tuoi risultati palesi, secondo me, hanno avuto la meglio su tutto !

La cosa più bella, almeno per me....è sapere che se si alimentano in modo sano, li si preserva da ogni malattia. :D

Un grosso abbraccio,

win
...ogni cosa sta percorrendo la strada verso la meta.
Avatar utente
alegaia
Newbie
Newbie
Messaggi: 47
Iscritto il: 3 agosto 2007, 6:00
Località: Castegnato (BS)

5 settembre 2007, 13:56

caro Fabio
anch'io come altri mi sono commossa a leggere la tua esperienza,mi sembra una cosa meravigliosa riuscire ad aiutare proprio le persone che ti hanno dato la vita....io purtroppo non riesco a convincere mia suocera che cambiando alimentazione potrebbe, ne sono certa, dimenticare la sua artrite reumatoide e tutte le medicine che stà prendendo!!!!Intanto ha già fatte le protesi a tutte e due le ginocchia....
Avatar utente
Tyler
Veterano
Veterano
Messaggi: 957
Iscritto il: 11 dicembre 2006, 6:00
Località: Catania
Contatta:

5 settembre 2007, 17:52

Ciao alegaia,
allora racconta a tua suocera che mio padre ha subito il suo stesso intervento al ginocchio destro e doveva poi fare anche il ginocchio sinistro.
Bene adesso il medico ha riscontrato che non ne ha più bisogno sia perchè è dimagrito tantissimo sia perchè (miracolosamente secondo lui) gli ha trovato il ginocchio molto migliorato. Se vuoi possiamo far parlare al telefono tua suocera e mio padre così gli raccontera' lui stesso...
Un bacio...
Nessuno è più schiavo di chi è falsamente convinto di essere libero. E noi siamo tutti schiavi. Schiavi del SIGNORAGGIO.
Avatar utente
alegaia
Newbie
Newbie
Messaggi: 47
Iscritto il: 3 agosto 2007, 6:00
Località: Castegnato (BS)

6 settembre 2007, 10:38

ma figurati non crede a me....chissà ad uno che non conosce, poi trova ogni giustificazione " ogni persona è diversa..." " ogni caso è particolare" " se smetto i farmaci chissà cosa mi succede" e via dicendo
Io non ho ancora veramente iniziato con la dieta di transizione, ma ho eliminato i latticini (carne e pesce già eliminati in precedenza) e stò riducendo i farinacei, vorrei che fosse il mio esempio o il mio benessere a darle un motivo per cambiare o almeno per porsi o pormi dei quesiti, ma sono convinta che alla fine chi stà male e vive rassegnato nella sua condizione è PERCHé LO VUOLE,in fondo sei scusato per tutto, e sei sempre al centro dell'attenzione!
grazie per l'interessamento.
Ale
Avatar utente
Tyler
Veterano
Veterano
Messaggi: 957
Iscritto il: 11 dicembre 2006, 6:00
Località: Catania
Contatta:

6 settembre 2007, 10:48

Hai perfettamente ragione quando dici che il tuo esempio le potrà dare sicuramente una scossa. Hai altrettanta ragione (purtroppo) quando dici che in fondo chi sta male e vive con rassegnazione in fondo lo fa perchè è quello che gli sta bene. Non è semplice prendersi la responsabilità della propria salute, è piu' semplice delegare, cosi' sei sempre scusato se qualcosa non va. Non devi ringraziarmi, un bacio...Fabio.
Nessuno è più schiavo di chi è falsamente convinto di essere libero. E noi siamo tutti schiavi. Schiavi del SIGNORAGGIO.
Rispondi
  • Informazione