respirazione durante gli esercizi

Questo è lo spazio dedicato a coloro che sono sportivi che praticano la dieta di Ehret.

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
blueyesvegan
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 106
Iscritto il: 26 settembre 2006, 6:00
Località: World

Nelle pagine dedicate agli esercizi, Ehret consiglia di inspirare durante lo sforzo muscolare (ad esempio alzando le braccia) e di espirare durante la fase di rilascio della tensione (ad esempio abbassando le braccia): io però sapevo il contrario, e cioè che nella maggior parte degli esercizi (non in tutti) è bene inspirare durante la fase di minimo sforzo, ed espirare nel momento di massimo sforzo. Se ad esempio si fanno dei piegamenti sulle braccia, secondo quello che mi hanno insegnato, si dovrebbe inspirare mentre si scende e si dovrebbe espirare mentre si sale, ossia mentre si fa lo sforzo con le braccia. Qual è, dunque, il modo corretto di respirare?


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13328
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Non saprei dirtelo qual'è il metodo corretto di respirare.
Io ho avuto conferma su di me che quanto insegnato da Ehret è corretto, quindi nel caso facessi gli esercizi da lui proposti, seguirei i suoi consigli, presupponendo che anche il resto dei suoi insegnamenti sia corretto.
blueyesvegan ha scritto:Nelle pagine dedicate agli esercizi, Ehret consiglia di inspirare durante lo sforzo muscolare (ad esempio alzando le braccia) e di espirare durante la fase di rilascio della tensione (ad esempio abbassando le braccia): io però sapevo il contrario, e....
Da chi hai saputo il contrario? Su quale teoria si basa?
Avatar utente
Bruschino
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 171
Iscritto il: 14 dicembre 2006, 6:00
Località:

luciano ha scritto:Non saprei dirtelo qual'è il metodo corretto di respirare.
Io ho avuto conferma su di me che quanto insegnato da Ehret è corretto, quindi nel caso facessi gli esercizi da lui proposti, seguirei i suoi consigli, presupponendo che anche il resto dei suoi insegnamenti sia corretto.

Generalmente nella pratica del sollevamento pesi si espira durante la fase di sforzo massimo o al contrario il bilanciere cadrebbe addosso al sollevatore...
Presto esaminerò gli esercizi di Ehret, da allenatore esperto sono convinto che Ehret aveva tuttavia le sue buone ragioni di consigliare la respirazione più indicata per i suoi esercizi, contraria o meno che sia.
acquariano

Anch'io so della ESPIRAZIONE durante il lavoro concentrico del muscolo, questa è la teoria ufficiale. Nello yoga alcuni esercizi vanno eseguiti con la respirazione "invertita" per così dire.
Trattenere il respiro durante lo sforzo serve ad aumentare la forza vitale.
Avatar utente
arca
Veterano
Veterano
Messaggi: 977
Iscritto il: 30 luglio 2006, 6:00
Località: prov. di Siena
Contatta:

secondo quello che mi hanno insegnato, si dovrebbe inspirare mentre si scende e si dovrebbe espirare mentre si sale ecc ecc
A me hanno insegnato esattamente il contrario; il motivo dovrebbe essere che in fase di sforzo con l'inspirazione un maggior apporto di ossigeno tende a NON creare acido lattico (o a crearne di meno). Comunque posso confermare, per quanto mi viene di ricordare ripetendo alcuni degli esercizi che conosco, che è in fase di sforzo che si inspira ed in fase di rilassamento che si espira.
Per tale motivo gli esercizi di Ehret mi sembrano assolutamente naturali, oltre che corretti, così come sono riportati sul testo.
Avatar utente
Fabri67
Newbie
Newbie
Messaggi: 33
Iscritto il: 11 gennaio 2007, 6:00
Località:

Anche nell’eseguire i “Cinque tibetani” (esercizi di ginnastica unita ad una lenta e profonda respirazione, riti antichi che agiscono su fasci di nervi chiamati plessi che fanno parte del sistema nervoso simpatico e stimolano i nostri organi e ghiandole), a parte il primo rito che consiste nel ruotare su se stessi in senso orario, il secondo, terzo, quarto e quinto rito vengono eseguiti con inspirazione in fase di tensione ed espirazione in fase di rilassamento, il tutto con dolcezza e naturalezza e con una respirazione lenta e profonda.
Difatti,la maggior parte delle persone usa solo i due terzi della capacità polmonare, pertanto con una respirazione lenta e profonda sia inspirando che espirando andiamo a vuotare i polmoni di quella parte di aria stagnante e stazionante nei nostri polmoni e, come dice Ehret, sostituendo aria fresca a quella vecchia,(respirando possibilmente in luoghi aperti, in un parco, in campagna, in montagna lontano da luoghi contaminati) introduciamo una maggior quantità di ossigeno nel flusso sanguigno andando a rivitalizzare le nostre cellule e quindi a rinforzarle. Si vengono in questo modo a ottimizzare le capacità di pompare del nostro cuore, migliorando la circolazione e il trasporto del sangue ossigenato alle cellule del nostro organismo.
Solamente eseguendo il sesto rito si espira lentamente prima fino a vuotare completamente i polmoni , poi si esegue l’esercizio, quindi si inspira dal naso per poi esalare con la bocca ecc.
Salute Fabri67
Avatar utente
pakewi
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 14 settembre 2010, 6:00
Località: Milano/Minneapolis
Contatta:

Buongiorno a tutti ,sono l'ultimo arrivato su questo forum.Mi occupo di sport professionistico da quindici anni.
Nel mare delle opinioni sbagliate diffuse mi colpisce la semplice logica inconfutabile del Nostro.Leggi naturali.Leggi meccaniche,che si applicano alla macchina umana ogni istante,che ne siamo consapevoli,o meno.Nel caso della respirazione,del nostro "motore",pressione e contropressione.Meccanismi automatici,cui ogni tipo di movimento può solo sincronizzarsi od opporsi.Quale fase della nostra respirazione comporta la creazione e quale il rilascio di tensione? Il Nostro,mi sa,continua a dire...la verità.
Ultima modifica di pakewi il 15 settembre 2010, 10:43, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 532
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

mmm cioè?? :roll:
la pratica è superiore a tutte le teorie
Educating Instead of Medicating
StefanoⓋRAW
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13328
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

pakewi ha scritto:Buongiorno a tutti ,sono l'ultimo arrivato su questo forum.Mi occupo di sport professionistico da quindici anni.
Nel mare delle opinioni sbagliate diffuse mi colpisce la semplice logica inconfutabile del Nostro.Leggi naturali.Leggi meccaniche,che si applicano alla macchina umana ogni istante,che ne siamo consapevoli,o meno.Nel caso della respirazione,del nostro "motore",pressione e contropressione.Meccanismi automatici,cui ogni tipo di movimento può solo sincronizzarsi od opporsi.Quale fase della nostra respirazione comporta la creazione e quale il rilascio di tensione? Il Nostro,mi sa,continua a dire...la verità.
Non ci ho capito niente. Cos'è 'sto Nostro?

Dai una letturina anche al regolamento, per precauzione, per evitare di incorrere nei requisiti per essere cancellato:
https://www.arnoldehret.it/modules.php? ... opic&t=347
luciaca
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 128
Iscritto il: 20 marzo 2009, 5:00
Località: Roma

forse con il Nostro ti riferisci a Ehret?
Avatar utente
pakewi
Newbie
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: 14 settembre 2010, 6:00
Località: Milano/Minneapolis
Contatta:

luciaca ha scritto:forse con il Nostro ti riferisci a Ehret?
Ehret,certo.Scusate.
Avatar utente
NicoFrutta
Newbie
Newbie
Messaggi: 33
Iscritto il: 25 ottobre 2011, 6:00
Località:

acquariano ha scritto:Anch'io so della ESPIRAZIONE durante il lavoro concentrico del muscolo, questa è la teoria ufficiale. Nello yoga alcuni esercizi vanno eseguiti con la respirazione "invertita" per così dire.
Trattenere il respiro durante lo sforzo serve ad aumentare la forza vitale.
Concordo ma non completamente.
Avatar utente
davide32
Veterano
Veterano
Messaggi: 1465
Iscritto il: 12 settembre 2008, 6:00
Località: Riolo Terme (RA)

io inspiro e espiro dalla bocca vado sempre all'incontarrio da piccolo mi hanno dato una mazzata a nuoto al naso deviandomi il setto nasale interno e addrizzandomelo con una semplice manovra fatta con la mano in sala operatoria riuscita benissimo :D ma internamente e' deviato e respiro di bocca.NO PROBLEM
Davide
lucacelone

blueyesvegan ha scritto:Nelle pagine dedicate agli esercizi, Ehret consiglia di inspirare durante lo sforzo muscolare (ad esempio alzando le braccia) e di espirare durante la fase di rilascio della tensione (ad esempio abbassando le braccia): io però sapevo il contrario, e cioè che nella maggior parte degli esercizi (non in tutti) è bene inspirare durante la fase di minimo sforzo, ed espirare nel momento di massimo sforzo. Se ad esempio si fanno dei piegamenti sulle braccia, secondo quello che mi hanno insegnato, si dovrebbe inspirare mentre si scende e si dovrebbe espirare mentre si sale, ossia mentre si fa lo sforzo con le braccia. Qual è, dunque, il modo corretto di respirare?
Se posso darti un consiglio io seguirei la natura.
E se sei in una grotta e dovi spostare un masso enorme con tutta la forza che hai?,cosa fai? Ce la metti tutta no? e sicuramente urlerai dallo sforzo ( fuoriuscita di aria)e l'urlo ( che speso si sente nelle palestre di sollevamento pesi) è la cosa piu' naturale che esista e che fa parte di noi. Segui la natura , il tuo istinto e vedrai che farai sempre tutto bene.
Un abbraccio Luca

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione