Infiammazione al ginocchio

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
pela
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 marzo 2009, 5:00
Località:

31 marzo 2009, 9:57

Ciao a tutti
Oggi è il mio secondo giorno di dieta sana e naturale.
I motivi principali per i quali mi sono messo in testa di leggere il libro ed applicare tutto ciò che ho appreso sono 2:
1) Il vivere meglio in salute ed energia riducendo un pò la mia massa grassa
2) Il guarire o perlomeno migliorare da una lunga (un anno circa ) e persistente infiammazione al ginocchio dovuta ad una distorsione durante una partita di calcio.
Premetto che i legamenti del ginocchio sono lacerati ma non completamente rotti ed il mio tono muscolare è in perfetto stato!!
C'è qualcuno che ha risolti i miei problemi seguendo la DSM???
Pensate che ce la posso fare????

Ciao a tutti e grazie
Avatar utente
massimofanta
Newbie
Newbie
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 gennaio 2007, 6:00
Località: Vaprio dAdda

1 aprile 2009, 17:09

Non entrerò nella discussione della DSM del Prof. Ehret in quanto sono un neofita come te ed ho solo da imparare, ma volendo restare in sintonia con la filosofia che vive dietro a tale approccio salutistico e per esperienza diretta in anni di attività sportiva, vorrei consigliarti: impacchi di ricotta sul ginocchio (si, hai capito bene), da tenere tutta la notte, non direttamente a contatto con la pelle ma raccolta da una garza, fasciando poi l'articolazione con un panno. Poi una volta al giorno, magari di sera, impacchi di argilla da tenere al massimo un'ora. Bevi molta acqua e non eccedere con la frutta ad alto contenuto di zuccheri. Su di me questi sistemi hanno fatto miracoli (bè ... quasi). Facci sapere.
Massimo FANTAUZZI
Vaprio d'Adda - MI
Avatar utente
pela
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 marzo 2009, 5:00
Località:

2 aprile 2009, 14:15

massimofanta ha scritto:Non entrerò nella discussione della DSM del Prof. Ehret in quanto sono un neofita come te ed ho solo da imparare, ma volendo restare in sintonia con la filosofia che vive dietro a tale approccio salutistico e per esperienza diretta in anni di attività sportiva, vorrei consigliarti: impacchi di ricotta sul ginocchio (si, hai capito bene), da tenere tutta la notte, non direttamente a contatto con la pelle ma raccolta da una garza, fasciando poi l'articolazione con un panno. Poi una volta al giorno, magari di sera, impacchi di argilla da tenere al massimo un'ora. Bevi molta acqua e non eccedere con la frutta ad alto contenuto di zuccheri. Su di me questi sistemi hanno fatto miracoli (bè ... quasi). Facci sapere.
Ho provato con delle chiare di uovo ma argilla e ricotta questa è proprio nuova!!! Proverò sicuramente.
Sarà sufficiente 2 settimane???
Grazie molte
Avatar utente
massimofanta
Newbie
Newbie
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 gennaio 2007, 6:00
Località: Vaprio dAdda

2 aprile 2009, 16:35

Allora, si deve partire da un assunto: l'argilla aiuta a "tirare fuori" , mentre la ricotta "rilascia principi attivi". Quindi fintanto che alla mattina troverai la ricotta completamente "assorbita" ritengo giusto andare avanti sia con l'argilla che la ricotta stessa. Viceversa, quando troverai la ricotta ancora umida, non completamente assorbita, allora è il segnale che il corpo ha terminato di assorbire quanto gli serve e deve proseguire senza aiuti esogeni. Ti prego di considerare che trattasi di un rimedio molto antico che non inficia, però, il tuo buon senso. Qualche volta un'accentuazione del dolore è sintomo di "lavoro" da parte del corpo per recuperare una situazione critica. Io mi concedo sempre 10/15 giorni di applicazione, dopo di che sospendo per una settimana, valutando i risultati ottenuti, e poi ricomincio. Ciao
Massimo FANTAUZZI
Vaprio d'Adda - MI
Avatar utente
sibillina
Veterano
Veterano
Messaggi: 811
Iscritto il: 28 maggio 2008, 6:00
Località: lugano

2 aprile 2009, 16:56

Ciao Massimo, io uso l'argilla da anni. Applicata alle cisti le fa scomparire. E' un portento.

Tu la usi solitamente per qualcosa di specifico?
Tutto è difficile prima di essere semplice.
Thomas Fuller
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 536
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

2 aprile 2009, 16:59

Ciao Sibillina!

Per un calazio al''occhio(sulla palpebra) come agiresti con l'argilla?
Io ho messo un impacco la sera per una settimana...ma niente....
lo tenevo un'ora......
Avatar utente
sibillina
Veterano
Veterano
Messaggi: 811
Iscritto il: 28 maggio 2008, 6:00
Località: lugano

2 aprile 2009, 17:13

Ciao ikxikx, caspita..l'occhio è un punto delicato e difficile.
Continua a metterla, lo sai che la natura opera lentamente...
Lasciarla un'ora va bene, magari fai piu' applicazioni la sera ogni ora

Immagino che la metti su tutto l'occhio ?
Tutto è difficile prima di essere semplice.
Thomas Fuller
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 536
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

2 aprile 2009, 17:28

Sì su tutto l'occhio con una garza....
ci vorrebbe più tempo forse...
diciamo che dopo una settimana di trattamento per un'ora la sera
mi sono stancato...
magari farò un altro ciclo...
Avatar utente
massimofanta
Newbie
Newbie
Messaggi: 16
Iscritto il: 22 gennaio 2007, 6:00
Località: Vaprio dAdda

3 aprile 2009, 9:06

Vi chiedo di moderare l'utilizzo dell'argilla su parti delicate quali: occhi, genitali, viso, a non più di 10 minuti e non per periodi prolungati. Molti di voi lo sapranno già, ma l'argilla contiene una minima quantità di radioattivittà la quale, pur essendo peculiare alla sua funzione curativa, non è bene venga a diretto contatto con organi così particolari come, per esempio, gli occhi. Io l'Argilla la uso sostanzialmente per due scopi: traumi contusivi , depurazione del corpo. Nel primo caso l'utilizzo è sempre abbinato alla ricotta come già detto fino ad assorbimento del trauma; nel secondo lascio riposare un cucchiaio da cucina in circa 250cc d'acqua tiepida in tazza trasparente, coperta, per tutta la notte. Alla mattina bevo l'acqua e qualche volta anche l'argilla stessa. Ora però ritengo doveroso ed onesto ch'io vi spieghi che non sono un naturopata e tanto meno un erborista; ho letto molto, ho una discreta esperienza e forse so anche molto, ma quando si toccano parti così critiche, invito sempre a rivolgersi ad un naturopata qualificato e, se possibile, entusiasta della DSM e/o Igiene Naturale.
Avatar utente
pela
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 marzo 2009, 5:00
Località:

3 aprile 2009, 18:40

SCUSATE LA DOMANDA SCIOCCA, DOVE COMPRO L'ARGILLA???
GRAZIE
Avatar utente
Calogero
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 96
Iscritto il: 10 dicembre 2008, 6:00
Località: Firenze

3 aprile 2009, 19:07

In tutte le erboristerie e nei negozi e supermercati di prodotti biologici, tipo "Natura Sì".
Avatar utente
pela
Newbie
Newbie
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 marzo 2009, 5:00
Località:

6 aprile 2009, 15:12

Calogero ha scritto:In tutte le erboristerie e nei negozi e supermercati di prodotti biologici, tipo "Natura Sì".
GRAZIE TANTE.
OGGI VADO A COMPRARLO.
ciao
kurotaisen
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 54
Iscritto il: 26 gennaio 2012, 6:00
Località: Saronno

20 giugno 2013, 9:47

la rigenerazione dei tessuti è molto più rapida di un tempo.. un tempo di onnivorismo... detto ciò.. credo che cataplasmi di argilla verde ventilata siano un toccasana ^___^
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@


>__________<
Rispondi
  • Informazione