raffreddore lampo

Qui si possono discutere e richiedere riferimenti del libro riguardo alla risoluzione di condizioni non ottimali di salute

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
zucchina
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 125
Iscritto il: 22 settembre 2008, 6:00
Località: catania

27 novembre 2009, 12:49

Ciao amici,
è da un po' che non scrivo, forse negli ultimi tempi sono diventata egoista; leggo solamente. :oops:
Comunque vi volevo dire che nell'ultimo periodo ho dei raffreddori lampo stranissimi.
Il primo fu nel mese di agosto è durato solo due giorni.
Il secondo un mese fa, stando a contatto con la bambina con 40° di febbre, durato due giorni con febbricola al max 37.3° spontaneamente rientrato.
Il terzo, stanotte : iniziato ieri sera sul tardi con naso otturato da un solo lato e gocciolio durante la notte sempre solo da un lato, mal di testa.

Svegliatami e cominciata la giornata il tutto è scomparso. 8O Avevo anche sintomi di spossatezza per cui avevo pensato di stare iniziando un "bel" raffreddore bello pesante.
Cosa significano questi raffreddori lampo secondo voi?
Considerate che la mia alimentazione è si con frutta e verdura ma anche con cereali e legumi.
Avatar utente
erre
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 467
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 6:00
Località: Cagliari

27 novembre 2009, 16:08

:D
Approffitto di questo post per dire che anch' io sono col raffreddore causato da un tiro incrociato di domenica scorsa da parte di mia moglie e mio figlio. In verita' credevo di restarne immune per via dell' alimentazione di frutta e verdura al massimo possibile.

Invece con stupore tra ieri ed oggi e' arrivato anche per me. Sia chiaro, lo ritengo una benedizione perche' mi aiuta ad espellere quello che il corpo non riesce in condizioni normali.

Ma mi sarebbe piaciuto dopo il lavoro fatto in questi anni, dimostrare agli "scettici intorno" che potevo avere la ragione dalla mia parte.

Comprendo allora che c'è ancora da fare per ottenere l'immunita'.
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13269
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

27 novembre 2009, 20:50

Il raffreddore va inteso solo come eliminazione di tossine.

Prima di arrivare al punto di non avere più muco penso che la strada sia lunga, anche fatta senza sgarri.

Se poi ogni tanto mangiamo cibi mucosi o poco mucosi, dobbiamo aspettarci che il corpo alla minima occasione cerchi di ripulirsi.
Avatar utente
nosiel
Newbie
Newbie
Messaggi: 27
Iscritto il: 2 giugno 2007, 6:00
Località: Piacenza

28 novembre 2009, 11:49

La mia esperienza è simile alla vostra. Sono reduce da un raffreddore durato dalle 16 di giovedì scorso a questa mattina quando, al risveglio, non avevo più assolutamente nulla. Similmente ne ho passato uno precedente, in ottobre, dalla durata esatta di 24 ore. :roll:
La differenza tra quelli del passato e quelli odierni è l'assoluta mancanza di sintomi specifici: mal di gola, mal di testa, otite, congiuntivite, febbre, dolori articolari, ecc.. Ora c'è solo una grande espulsione di muco: chiaro, filante e leggero. Inizia improvvisamente e altrettanto improvvisamente se ne va senza lasciare strascici. Ciò è successo anche l'anno scorso con un solo episodio. Preciso di essere in transizione dal giugno del 2007 con il solo pasto di cereali integrali a mezzogiorno. Per il resto davvero poche occasioni di evadere: solo quando è davvero impossibile per motivi relazionali. Sono anch'io convinto che occorre tempo. Buona salute a tutti
:D
Avatar utente
tistructor
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 298
Iscritto il: 26 maggio 2009, 6:00
Località: Colico

29 novembre 2009, 10:03

Un giorno di intensa camminata in Nepal con vento frontale a 50 o 60 km/h piuttosto freddo(10° gradi) a circa 2000 - 3000 metri di altidutine ho deciso di sfidare la natura. Ho tenuto la maglitta a maniche corte per circa 5 - 6 h di cammino.
Ho beccato il giorno dopo sia raffreddore che tosse ma niente febbre. Ora che sono passati più di dieci giorni i sintomi di disintossicazione si stanno attenuando. Sono riuscito a mantenere una dieta povera di muco con molta frutta soprattutto acida al mattino e così facendo il muco sia polmonare che dal naso è sempre rimasto molto fluido. Ne è uscito a quantità astronomiche ma non ha provocato disagi particolari, solo una chiusura sonora dell'orecchio sinistro seguita poi da una espulsione maggiore di muco da questo lato. Sto cominciando a intendere i disturbi e le malattie come disintossicazione del corpo e affronto il periodo molto serenamente con una punta di gioia per il miglioramento di salute che si verificherà al termine della forte eliminazione.

Ciao
Avatar utente
erre
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 467
Iscritto il: 21 gennaio 2008, 6:00
Località: Cagliari

30 novembre 2009, 10:29

Ad oggi mi e' passato. Una bella soddisfazione e' che l' espulsione di muco sia stato molto ridotto e anche i sintomi relativi. Quindi un certo risultato l' ho avuto :)
Rispondi
  • Informazione