Esperimento n.3: da P.P. a P.P.

Questo è lo spazio dedicato a coloro che sono sportivi che praticano la dieta di Ehret.

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
Priula59
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 138
Iscritto il: 21 marzo 2007, 5:00
Località: Ponte Priula
Contatta:

Salve a tutti. Riporto una piccola esperienza personale, atta a dimostrare la validità delle teorie ehretiane (o ehretiste?) :roll:
Ormai sono in piena dieta fruttariana; in questo periodo, poi, è una vera gioia poter mangiare ogni sorta di frutta e verdura ':D'
Ho voluto provare la resistenza alla fatica con uno sforzo mediamente intenso e prolungato.
Domenica, dopo aver bevuto una spremuta di due arance, ho inforcato la bici, una semplice MTB, e dal mio paesino Ponte della Priula, sulle rive del Piave, altezza slm 75 metri, sono salito fino al Passo Praderadego, altezza slm 1000 metri. Non sono uno sportivo, vado in bicicletta ogni tanto ed era la prima volta che affrontavo un percorso così impegnativo per me. Il primo tratto di 22Km mi ha portato fino ai 280 metri di Valmareno, percorso quasi pianeggiante con piccoli dislivelli, durata 65 minuti. Lì è cominciata la salita vera e propria, con pendenze a tratti anche molto dure; in 9Km si ha un dislivello di 720 metri, percorsi in 90 minuti. In questo tratto di salita stava il nocciolo dell'esperimento, relativamente alla resistenza alla fatica. Devo dire che è andata bene, Ehret aveva ragione. Prima di tutto sono arrivato in cima, quindi la frutta e la verdura danno tutta l'energia necessaria. In secondo luogo non ho avuto sensazioni di essere esausto; fatica molta ma sempre sopportabile. Infine, cosa già provata in altri esperimenti ciclistici, ma meno intensi, nelle ore e giorni successivi allo sforzo non ho avuto nessun problema alla muscolatura che maggiormente ha sopportato lo sforzo.
Dopo una breve pausa e un bicchiere d'acqua, il ritorno. Meravigliosa la discesa, 18 minuti di pura estasi ciclistica, con rischi di arrivare troppo veloci al tornante... Piuttosto, la parte più pesante è stata quella degli ultimi chilometri, in pianura ma con tutta la stanchezza e soprattutto con l'indolenzimento della zona a contatto con la sella. Questo è stato l'unico problema, a pensarci bene.
Mi pare di poter confermare che la dieta ehretista (o ehretiana?) è compatibile con una intensa attività fisica. Più avanti proverò anche con sforzi più prolungati nel tempo.
Un saluto a tutti voi.
Giampaolo
Avatar utente
luciano
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 13309
Iscritto il: 28 novembre 2005, 6:00
Località: Riva del Garda
Contatta:

Bellissima esperienza priula.

Ho fatto qualcosa di simile mentre digiunavo. Ho fatto una corsa con una bicicletta del tipo Graziella, con le ruote piccole, inseguito da un ciclista in mountain bike con tanto di cambio con non so quanti rapporti e non mi ha superato fino a quando dopo qualche chilometro mi sono fermato per girare.

Mi ha guardato come se fossi un marziano. :lol:
Avatar utente
arca
Veterano
Veterano
Messaggi: 977
Iscritto il: 30 luglio 2006, 6:00
Località: prov. di Siena
Contatta:

Giampaolo e Luciano, complimenti: sono davvero delle grandi testimonianze, davvero fantastiche e che rendono testimonianza chiara al nostro Sistema.
8)
Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso.

IDEALANDIA

Immagine
Avatar utente
astrid
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 62
Iscritto il: 19 marzo 2007, 5:00
Località: San Dona

Ciao Priula , io sono di Orsago anche se ora vivo a San Donà e il percorso che descrivi lo conosco molto bene , accidenti....complimenti vivissimi..da quelle parti ci scorazzavo da ragazza ma sempre in macchina e quando vedevo qualcuno arrancare in salita mi chiedevo quanti allenamenti ci stavano a monte ...mi fai venire voglia di provarci ... chissà!! complimenti ancora...
A proposito il tuo orto come va?
Avatar utente
Priula59
Più di 50 post
Più di 50 post
Messaggi: 138
Iscritto il: 21 marzo 2007, 5:00
Località: Ponte Priula
Contatta:

Ciao Astrid, scusa se rispondo in ritardo, ma in questi giorni sono un po' occupato.
Mi fa piacere sapere che c'è un'anima ehretista qui vicino, perché per quanto bello sia incontrarci nel forum, dal vivo è un'altra cosa.
Sai, la salita al Praderadego se presa con calma è fattibile, anche senza essere super atleti. Quello che mi interessa confermare è che la frutta dà tutta l'energia necessaria, al contrario di quello che affermano i miei colleghi di scienze e matematica, i quali continuano a parlare di glucosio, di carboidrati, ecc. Inoltre, cerco la conferma che i muscoli funzionano meglio, non solo riescono a compiere il loro lavoro anche in condizioni di medio allenamento, ma lo fanno senza strascichi, tipo acido lattico.
Sto pensando a quale passo potrei dedicare l'esperimento n.4... Se vuoi partecipare all'esperimento sei la benvenuta.
L'orto funziona bene, in questi mesi caldi mi produce verdura cruda e cotta, cioè, lui fa tutto crudo, poi io cucino cavoli, coste, fagiolini...
Un saluto a tutti
Giampaolo
Rispondi
  • Informazione