Essiccatore casalingo per frutta e verdura

Questa sezione è sugli attrezzi da cucina.

Moderatore: luciano

Rispondi
Avatar utente
dbnet
Newbie
Newbie
Messaggi: 14
Iscritto il: 17 marzo 2008, 5:00
Località:

Vista la “smania” di gestire quel poco di frutta e verdura che l’orto di famiglia produce, mi sono procurato un piccolo essiccatore. Cosi da poter conservare meglio qualche prodotto.

Ancora non lo mai usato (stasera credo farò i miei primi esperimenti).
Qualcuno lo usa già?
Rispetto alla dieta di transizione o poi quella senza muco, può essere uno strumento utile?

Grazie a tutti


La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Avatar utente
Eliz
Newbie
Newbie
Messaggi: 31
Iscritto il: 11 febbraio 2009, 6:00
Località: provincia di Pavia

dbnet ha scritto:Vista la “smania” di gestire quel poco di frutta e verdura che l’orto di famiglia produce, mi sono procurato un piccolo essiccatore. Cosi da poter conservare meglio qualche prodotto.

Ancora non lo mai usato (stasera credo farò i miei primi esperimenti).
Qualcuno lo usa già?
Rispetto alla dieta di transizione o poi quella senza muco, può essere uno strumento utile?

Grazie a tutti
Purtroppo non ho risposte per te ma solo domande! Anch'io vorrei procurarmi un attrezzo del genere perché in questi mesi il consumo di uva passa e, soprattutto, di pomodori essicati (questi forse non sono il top dell'ehretismo ma ultimamente mi fanno impazzire), è notevolmente aumentato e visto che acquisto ormai solo prodotti biologici l'esborso è non indifferente. Pensavo che forse, gestendo autonomamente il passaggio dell'essicazione, avrei risparmiato un po', anche perché uva e pomodori li coltiva mio papà nell'orto.
Tu hai cominciato ad usarlo? Che modello hai acquistato e come ti trovi? Se ti trovi bene,mi diresti gentilmente anche prezzo e se l'hai trovato on-line o altrove?
Quante domande!! Te l'avevo detto...

Grazie per le informazioni!
Eliz :D
Avatar utente
LAj
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 427
Iscritto il: 2 luglio 2008, 6:00
Località: Avellino

"Il dio più venerato è Mercurio: ne hanno moltissimi simulacri. Lo ritengono ...guida delle vie e dei viaggi" G. Cesare
Avatar utente
salvatore3
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 245
Iscritto il: 21 maggio 2007, 6:00
Località: S.G. La punta C.T.

Lo scorso anno ho essiccato molta frutta, raccolta dal mio frutteto, è stata una ottima esperienza.

Ripeterò anche quest'anno.

Io non ho comprato un essiccatore, ma uso un piccolo forno elettrico ventilato che uso normalmente in cucina, metto il temostao a 45° C, e funziona benissimo, il consumo elettrico è poco.

Ho essiccato: ciliegi, prugne, albicocche, pomodori, .......

dopo l'essiccazione li ho conservati in buste sotto vuoto, sono venuti una meraviglia .

Saluti
Salvo
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 532
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

metto il temostao a 45° C
-**********************
Ciao Salvo!

Per quanto tempo??
la pratica è superiore a tutte le teorie
Educating Instead of Medicating
StefanoⓋRAW
Avatar utente
salvatore3
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 245
Iscritto il: 21 maggio 2007, 6:00
Località: S.G. La punta C.T.

ikxikx ha scritto:metto il temostao a 45° C
-**********************
Ciao Salvo!

Per quanto tempo??
Non metto un tempo, poichè lo spessore della frutta non è tutta uguale, quindi bisogna fare attenzione che la frutta non sia troppo secca, io non faccio essiccare tutta l'acqua contenuta nella frutta, bisogna far ridurre il contenuto della frutta al 50/60%.

Per esempio, le albicocche le divido in due, le prugne piccole le lascio intere, quelle grosse le divido, le ciliegi intere, le pesche le divido per 4, le mele a fette di 2 centimetri.

I pomodori li apro in due e metto un pò di sale, li lascio essiccare lasciando pochissima acqua.

Le ciliegi asciugano in 5/6 ore circa.

N.B. Il consumo elettrico è molto basso; considera che 45°C , in estate la resistenza del forno lavora poco.

Spesso il forno lo metto fuori di casa, dove la temperatura esterna in alcuni giorni raggiunge i 40°C.

Saluti

Salvo
Avatar utente
ikxikx
Più di 300 post
Più di 300 post
Messaggi: 532
Iscritto il: 15 febbraio 2008, 6:00
Località: S.Fermo (Como)

Grazie Salvo!
la pratica è superiore a tutte le teorie
Educating Instead of Medicating
StefanoⓋRAW
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2002
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

salvatore3 ha scritto: Spesso il forno lo metto fuori di casa, dove la temperatura esterna in alcuni giorni raggiunge i 40°C.
Be', in giorni come quelli non sarebbe piu' naturale ed economico mettere direttamente la frutta al sole? :D
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
salvatore3
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 245
Iscritto il: 21 maggio 2007, 6:00
Località: S.G. La punta C.T.

mauropud ha scritto:
salvatore3 ha scritto: Spesso il forno lo metto fuori di casa, dove la temperatura esterna in alcuni giorni raggiunge i 40°C.
Be', in giorni come quelli non sarebbe piu' naturale ed economico mettere direttamente la frutta al sole? :D
Lo faccio per una questione di igiene, e di controllo costante della temperatura, così tutto viene chiuso e con la ventola in movimento impedisce la polvere e gli insetti di entrare.

Potrei mettere la frutta direttamente al sole, però la temperatura sarà molto alta e la frutta potrebbe essere cotta, non essiccata.

Dobbiamo fare attenzione che la frutta essiccata non può superare i 45°C, altrimenti perde tutte le sue proprietà.

Saluti

Salvo
Avatar utente
mauropud
Veterano
Veterano
Messaggi: 2002
Iscritto il: 22 luglio 2006, 6:00
Località: Milton Keynes

salvatore3 ha scritto: Lo faccio per una questione di igiene, e di controllo costante della temperatura, così tutto viene chiuso e con la ventola in movimento impedisce la polvere e gli insetti di entrare.
Ah dimenticavo gli insetti: quei maledetti si pappano la frutta dolce! :D
Mi venivano in mente i pomodori seccati al sole col sale che facevano una volta: su quelli gli insetti non ci vanno! :)
Saluti
Mauro
"Ho avuto un´ottima istruzione. Ci sono voluti anni per liberarmene." (anonimo?)
"How can I tell that the road signed to hell doesn´t lead up to heaven?" (Peter Hammill)
Avatar utente
salvatore3
Più di 150 post
Più di 150 post
Messaggi: 245
Iscritto il: 21 maggio 2007, 6:00
Località: S.G. La punta C.T.

Sui pomodori non ci vanno perchè sono acidi e in più c'è il sale.

Saluti

Salvo

La Filosofia del Digiuno
Questo libro offre la visione di un Autore illuminato sul digiuno. Per maggiori ragguagli: La Filosofia del Digiuno

Rispondi
  • Informazione