Categorie: Alimentazione

Il teff, un altro pseudo-cereale. Usi, proprietà e benefici

Possiamo aggiungere agli pseudo-cereali, il teff, che non conoscevo, ne sono venuto a conoscenza grazie uno degli amici di Facebook.

Come sappiamo pseudo-cereale è un termine non botanico entrato nell’uso per indicare le piante non monocotiledoni (come le Graminacee, frumento ecc. considerate i “veri” cereali), ma dicotiledoni, che producono frutti i quali macinati danno una farina utilizzata per farne pane e altri cibi.

Molte persone sono spesso confuse a riguardo. Il problema sorge dalla parola “cereali” e la confusione nasce dall’uso popolare del termine.

Non è un termine botanico, quindi non corrisponde alle Poacee o Graminacee, come molti credono, ma letterario e storico: indica tutte le «piante erbacee che producono frutti i quali, macinati, danno farina da farne pane e altri cibi.

Il termine cereale, invece potrebbe essere esteso anche ad altre piante, non monocotiledoni come le Graminacee, ma dicotiledoni, talora dette impropriamente pseudo-cereali (seguendo la terminologia inglese), delle famiglie:

  • Polygonacee: grano saraceno;
  • Amarantacee: amaranto;
  • Chenopodiacee: quinoa;

Infatti il termine pseudo-cereale è un termine inventato di recente per distinguere i semi amidacei da quelli che contengono poco o niente amido.

Il teff pur essendo una pianta della famiglie monocotiledoni, appartiene a una sottofamiglia che non contiene glutine.

La ragione per cui gli psudo-cereali non “appesantiscono”

Il corpo tramite la digestione ricava il suo nutrimento definitivo, il glucosio.

Sia i classici cereali e sia i sempre più conosciuti pseudo-cereali, grazie anche alla mia opera di diffusione da anni :D , sono ugualmente fonte di glucosio, quindi uno giustamente potrebbe chiedersi dove sta la differenza.

Se il semplice fatto di reperire glucosio da qualsiasi fonte fosse sufficiente per ritenersi nutriti, allora potrei dire che anche mangiando la carta, ricavata dalla polpa di cellulosa che è in massima parte glucosio, avremmo risolto i problemi alimentari del mondo.

La differenza sostanziale è che gli psudo-cereali forniscono un tipo di glucosio con molecole legate a catena corta, mentre i cereali classici forniscono un glucosio con molecole legate a catena lunga.

Questo incide sui processi digestivi, in quanto l’organismo scarta le molecole che non può utilizzare, quelle che costituiscono una sostanza collosa che Arnold Ehret chiamò semplicemente muco, a dispetto dei patiti dei termini scientifici che hanno cercato e cercano di invalidare le sue scoperte.

Questa sostanza collosa si incista insieme a feci indigerite sulle pareti del colon, e poi tramite l’assorbimento dai villi intestinali, entra in circolo e viene distribuita in tutti gli organi del corpo, incluso il cervello, come ampiamente spiegato nel libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco, che include anche la soluzione per questo grave problema, concausa delle maggior parte delle malattie, degenerative comprese.

Gli pseudo-cereali fornendo glucosio con molecole legate a catena corta, non contengono, se non in misura trascurabile, quegli amidi che portano alla formazione del famoso residuo colloso, il muco.

Rispondendo alle moltissime email con richiesta del perché gli pseudo-cereali farebbero differenza, spero che possa essere utile questa informazione, frutto di mie ricerche personali, avvalendomi anche dell’esperienza di altre persone ferrate sul tema, incluso un veterinario che mi ha rivelato che nelle autopsie di mucche morte per malattie di vario genere provenienti da allevamenti intensivi foraggiate con cereali, ha sempre trovato enormi masse di muco incistato con feci nel tratto digestivo, per non parlare di sostanze grasse (muco) nel fegato e altri organi.

Il Teff

Il teff o tef (Eragrostis tef), in amarico ጤፍ ṭēff, in tigrino ጣፍ ṭāff, è un cereale proprio dell’Etiopia e dell’Eritrea, dove viene coltivato e utilizzato nell’alimentazione umana. Dall’etimologia popolare il termine tef significa “perduto” dalla radice della lingua amarica t.ff, a significare appunto la estrema facilità che il seme finissimo scivoli tra le dita e vada appunto perduto.

Il teff è un’erba annua, dalla quale si ricava anche la farina detta farina di Teff; dalla quale si ricava a sua volta il pane di Teff, un piatto tipico della cucina eritrea. I semi sono particolarmente piccoli (meno di 1 mm di diametro). Se ne può tenere in mano un numero sufficiente a seminare un intero campo, proprietà che rende il teff particolarmente adatto alla vita seminomade.

Il genere Eragrostis, che comprende molte specie spontanee oltre all’unica specie coltivata E. tef, appartiene alla famiglia delle Poacee o Graminacee. All’interno di questa famiglia, si colloca nella sottofamiglia delle Cloridoidee, a differenza degli altri cereali utilizzati per l’alimentazione, che vengono attribuiti ad altre sottofamiglie.

Storia

Si ritiene che la coltivazione del teff sia originata in Etiopia tra il 4000 a.C. e il 1000 a.C. Gli studi genetici indicano come più probabile antenato selvatico Eragrostis pilosa.

Nell’Ottocento furono dichiarati come rinvenuti semi di teff in un sito archeologico egiziano, ma oggi questa identificazione risulta come “non adeguatamente documentata” e quindi da non considerare.

Il teff contiene un’importante percentuale di proteine e ha un eccellente assortimento di aminoacidi essenziali.

Il teff è privo di glutine.

Nella macinazione dei semi, che sono piccolissimi, è impossibile separare le frazioni di molitura, quindi tutte le parti contenute nel seme sono sempre comprese e mescolate nella farina che quindi è realmente “integrale”.

Il contenuto alimentare proveniente dalla farina è comunque apprezzabilmente aumentato dalle preparazioni della cucina tradizionale eritrea, etiopica e somala del pane di teff detto injera o enjera, un pane molto sottile e spugnoso ottenuto da fermentazione batterica acida, e quindi appunto dal sapore acidulo. La fermentazione diminuisce leggermente il contenuto in carboidrati ma lo arricchisce, in maniera sostanziale, in contenuto proteico.

La conservazione delle frazioni corticali ricche in minerali (soprattutto ferro) è preziosa data la ricorrenza nei paesi di origine di malattie parassitarie che inducono carenza di tale elemento, tali malattie da anemia sono molto pericolose soprattutto nella popolazione femminile.

Ai fini della cottura viene considerato paragonabile al miglio, anche se il seme è molto più piccolo.

Lo trovi in questo negozio

Coltivazione

Il teff è adattato ad ambienti molto diversi dal punto di vista idrico, dalla semi-aridità al ristagno di acqua. La produzione massima si ha ad altitudini comprese tra 1800 e 2100 m (altipiani etiopico ed eritreo), precipitazioni comprese tra 450 e 550 mm durante la stagione di crescita, e temperature comprese tra 10 e 27 °C.

Il teff è sensibile alla durata dell’illuminazione diurna e cresce meglio con una durata della fase diurna di 12 ore. Tradizionalmente il teff è coltivato in regioni molto ristrette, soprattutto dell’Etiopia e dell’Eritrea.

Il teff è presente in due varietà: la bianca e la rossa; i nomi derivano dal colore del seme, più chiaro o più scuro; le due varietà producono quindi farine di colore leggermente diverso. La varietà chiara è più delicata ed ha maggiori esigenze di coltivazione, è più costosa e di prassi è preferita nel consumo dalle fasce di popolazione più agiate, la seconda è cibo di maggiore uso nei ceti popolari. Le differenze nutrizionali nei due tipi sono irrilevanti, e risulta invece importantissimo il sistema di coltivazione; le produzioni tradizionali di villaggio sono risultate molto più ricche in contenuto del prodotto di iniziative di coltivazione estensiva. La spiegazione è semplice, ed è sufficiente considerare la minuziosa attenzione applicata nelle concimazioni delle coltivazioni di villaggio.

La raccolta meccanizzata è agevole ma, se non perfettamente organizzata ed attrezzata, rischia di produrre grosse perdite di raccolto, (le sottili spighe vanno raccolte con mosse delicate, altrimenti il seme cade, la dispersione del seme è infatti naturale), le rese per ettaro, pur considerando l’elevatissimo valore nutrizionale, sono molto basse. Il seme di teff è estremamente resistente a tutti gli eventi, disidratazione, caldo, umidità, muffe, ecc. (soprattutto il teff rosso); di norma si considera che conservi capacità germinativa per almeno quattro anni, ma semine con seme anche molto più vecchio non danno di norma problemi.

La coltivazione del teff oltre che in Etiopia e in Eritrea, è stata moderatamente diffusa anche in India ed in Australia. Recentemente, la coltivazione del teff è stata sperimentata anche nei Paesi Bassi.

In Etiopia costituisce circa un quarto della produzione totale di cereali. La resa media possibile della coltivazione varia da 7 a 30 q/ha (in Etiopia è mediamente 9 q/ha).

Fonti:

Wikipedia

Luciano Gianazza

Dai un voto a questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Articolo soggetto a Copyright

Nota

Se desideri comprare i libri di Arnold Ehret, assicurati che siano i miei, che trovi nella mia Libreria. In questo modo mi aiuterai. Diversamente aiuterai persone che traggono profitto ingiustamente del mio lavoro, acquistando libri che sono meri plagi. Certo, costano meno, ma è facile pubblicare dei libri dei quali esiste già la mia traduzione, cambiando qualche parola qui e là, dando l'idea che si tratti di una traduzione ex novo...

Ti piace questo articolo? Ritieni che possa esserti utile quanto ho scritto? Considera l'idea di farmi una donazione, questo mi aiuterà nel continuare a scriverne altri. Non ti sto chiedendo l'acquisto di beni o servizi, solo una libera donazione, la cifra puoi inserirla tu, da € 1,00 in su, fino all'infinito. Ovviamente non c'è alcun obbligo, falla solo se senti di volerla fare. Leggi Perché potresti farmi una donazione.

Non hai i libri di Ehret? eccoli:

Medicinenon.it e Arnoldehret.it sono due siti di Luciano Gianazza.

Medicinenon.it è da molti anni un punto di riferimento per chi vuole liberarsi della disinformazione e poi acquisire la corretta conoscenza.

ArnoldEhret.it è il sito ufficiale degli insegnamenti di Arnold Ehret, raccolti nei suoi libri, fra i quali Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco è un best seller internazionale. Arnold Ehret ha ritrovato il sentiero, di cui si era persa ogni traccia secoli fa, che porta all'alimentazione naturale dell'Uomo e alla salute perfetta in quanto ripristina la naturale capacità del corpo umano di disintossicarsi da tossine e veleni. In questo mondo avvelenato, il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco fornisce i fondamenti per un'alimentazione e stile di vita che sono essenziali per la buona riuscita dei vari protocolli di disintossicazione.

Tutti i libri originali di Arnold Ehret sono reperibili sul sito www.arnoldehret.it | Libri

Luciano Gianazza

Dopo aver sperimentato i benefici degli insegnamenti di Ehret, ho deciso tradurre e pubblicare il suo capolavoro "Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco" per renderne possibile la lettura e la pratica al pubblico italiano. Era il dicembre 2005 e due anni dopo, nel 2007, il libro è stato riveduto e corretto e pubblicato nello stato dell'arte dalla Juppiter Consulting Publishing Co®. Nel 2013 è stata pubblicata la seconda edizione ampliata nella collana Ehretismo®. Nel frattempo l'opera di Arnold Ehret è stata completata con la traduzione e la pubblicazione degli altri suoi 5 libri. Molte persone hanno confermato con i risultati ottenuti mettendo in pratica il “Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” la validità degli insegnamenti di Ehret.

Articoli recenti

La Nuova Fisiologia (Parte II)

LEZIONE VII CIBI ALTAMENTE PROTEICI Quando il movimento del Naturismo e della dieta senza carne…

3 mesi fa

Disintossicazione Permanente e Coronavirus

Il nostro corpo, per quanto molti non ne abbiano mai preso atto, non fa altro…

5 mesi fa

Coronavirus e Arnold Ehret

Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco può essere una soluzione? Ho trovato l'edizione…

6 mesi fa

La Dieta di Transizione (Parte 1)

Estratto dalla Lezione XV sulla Dieta di Transizione Nelle lezioni precedenti del Sistema di Guarigione…

11 mesi fa

Bezoari. Avvertenze per Fruttariani e Crudisti

I Bezoari Di recente sono venuto a conoscenza di un problema riscontrato da fruttariani o…

12 mesi fa

Clistere o Enteroclisi

Il clistere è una pratica volta a liberare l'ultimo tratto dell'intestino, (intestino crasso o colon)…

1 anno fa